8 Comportamenti Che Potrebbero Distruggere la Tua Relazione

Spesso ci sembra di essere nel giusto, e invece… ecco qualche consiglio per smettere di far del male alla nostra relazione.

Venor - Seduzione Sesso Amore
8 Comportamenti Che Potrebbero Distruggere la Tua Relazione - Venor
Per nessuno è tutto facile, tutti abbiamo i nostri mostri da sconfiggere
Stephen Littleword

Spesso i film e i racconti (a volte non completamente sinceri) delle amiche, ci incoraggiano a portare avanti e considerare corretti alcuni nostri comportamenti terribilmente dannosi per la nostra relazione. Questi comportamenti a volte sono così radicati in noi, da non riuscire nemmeno più a prendere in considerazione il fatto che possano essere sbagliati…

Scopriamo quindi quali siano i nostri “nemici” più pericolosi e come batterli 😉

Gli 8 Comportamenti Dannosi

1. Mettere alla prova il partner per farlo diventare più intuitivo

Questo con le amiche funziona perfettamente. Man mano che l’amicizia si consolida, basta un gesto, un’occhiata diversa dalle altre e l’amica diventa sempre più intuitiva. Se le diciamo “non esco stasera” con un accento malinconico nella voce, lei sa che deve venire a prenderci con la forza, se le lanciamo un’occhiata “particolare”, lei sa che deve voltarsi per guardare il ragazzo di cui parleremo dopo. Una donna capisce perfettamente dal nostro sguardo e dal nostro tono di voce se abbiamo bisogno di un gelato, di vedere un film, di andare a fare shopping per distrarci o se ci serve un abbraccio.
Ma un uomo no.

Quando lo mettiamo alla prova con sguardi che chiedono un bacio, con accenni ad una gioielleria perché capisca cosa vorremmo ricevere come regalo, con un “lasciami in pace” che dovrebbe essere inteso come un “insisti ancora“… rimaniamo deluse. Riceviamo uno sguardo interrogativo al posto di un bacio, un frullatore anziché un anello e un “allora ci vediamo domani” invece che un “dai, lo sai che ti amo, non cercare di allontanarmi“. Come fare? Semplice: rinunciamoci. Gli uomini han bisogno di suggerimenti diretti e chiari. Perché non provare? È incredibile come questo possa cambiare in meglio la nostra relazione.

2. L’amore non è bello se non è litigarello

Certo, è impossibile che tutto sia sempre rose e fiori, ma le litigate continue non rafforzano l’amore. Litigare sempre significa avere opinioni, valori e obiettivi diversi da quelli del partner e questo non può essere un punto di forza in una relazione.

Perché un rapporto funzioni bene quindi, sarà importante trasformare i litigi in confronti e capire come trovare un punto di incontro e risolvere così mano a mano i problemi che tendono a dividerci dal nostro compagno. Non è semplice, ma è possibile ed è molto soddisfacente 😉

3. Se l’ha fatto lui è normale che lo faccia anche io

Ammettilo, anche tu hai nella mente un bell’elenco delle “malefatte” del tuo compagno da sfoderare in tua difesa quando si litiga per qualcosa che hai fatto tu di male, ad esempio: “Sì, ti ho fatto aspettare 2 ore, ma non hai diritto di arrabbiarti perché anche tu l’altra sera sei arrivato in ritardo!” oppure “Certo, non ti ho risposto al telefono, ma anche tu l’hai fatto quando…“, [ecc] Questo può sembrare un modo per difendersi, ma è solamente un gioco a perdere. Concentriamoci solo sul presente e lasciamo perdere ciò che è successo ieri o il mese o l’anno scorso… Affrontiamo il danno o il problema attuale e rinunciamo alle ripicche e alle polemiche (anche se ci piace l’idea di “occhio per occhio e dente per dente” 😉 ).
Perché, oltretutto, non trasformare questo “gioco”? Lui ieri è stato davvero gentile, ora farò io qualcosa per lui!
Meno emozionante, meno combattivo… ma più incentrato a migliorare la relazione.

4. Essere gelosi e possessivi è una dimostrazione di amore

Spesso siamo convinte che la gelosia significhi che una persona tiene davvero a noi e che quindi sia anche il modo migliore per dimostrare che noi teniamo a lui, giusto? Niente di più sbagliato…
Parlerò più nel dettaglio della gelosia in futuro (iscriviti alla newsletter per non perdere i futuri articoli!), però conviene specificare che l’essere gelosi e possessivi è soprattutto un sintomo di un disagio. Significa che non abbiamo fiducia nel nostro partner, oppure che abbiamo paura che possa confrontarci con altre donne che possano essere meglio di noi.
Nasce quindi il bisogno irrazionale di controllo verso il nostro partner e di odio verso le donne che stanno parlando o potrebbero parlare con lui.

Come combattere questo quarto “mostro”?
Valutiamo nel modo più razionale possibile la nostra relazione. Come ci considera il nostro partner? Ci sentiamo amate? Cerchiamo di capire perché siamo gelose di una donna, cioé, cos’ha lei che ci fa pensare che il nostro uomo possa preferirla a noi? E` più intelligente, più simpatica, più curata? Bene, noi dovremmo diventare meglio di lei! Così il nostro partner non avrà occhi che per noi 😉

5. Considerare i suoi bisogni più importanti dei tuoi

Anche qui, mettiamo in atto una grande dimostrazione di amore. Siamo buone, protettive e premurose con lui… Sicuramente mi starai chiedendo: “beh, cosa c’è di male in questo?
C’è che i suoi bisogni non sono più importanti dei tuoi, ma sono importanti quanto i tuoi. Se continuerai a metterti da parte per lui, prima o poi comincerai a sentirti frustrata e sfruttata. Se tu stessa dai poco peso ai tuoi bisogni, lui farà lo stesso, arrivando pian piano a non considerarli importanti.

Come cambiare la situazione? Comunica maggiormente con il tuo partner e digli apertamente quali siano le tue necessità e cosa stai facendo per lui. Spesso molte abitudini sono così radicate che lui non si starà più accorgendo dei tuoi sacrifici. Falli notare, dai peso a ciò che fai e prenditi del tempo per te. Puoi e devi concederti un po’ di felicità.

6. Fare dei regali per superare un litigio

Cosa c’è di meglio di un mazzo di fiori per chiedere scusa? (L’hai pensato, non è vero??) Perché noi donne non possiamo fare altrettanto? Certo che possiamo. Ci sono i biglietti per un concerto o una partita, c’è il nuovo modello di cellulare, si può fare un viaggio assieme, si può comprare un peluche con scritto “ti voglio tanto bene”… Ma quanto è utile?

Un regalo non servirà a nulla, perché non risolverà mai il problema alla radice. Potrà mettere momentaneamente di buon umore il nostro partner e potrà portarlo a perdonarci per questa volta, ma il problema prima o poi si ripresenterà.

Non cerchiamo di prendere la via facile e veloce. Come sempre, utilizzare il nostro tempo e la nostra energia per risolvere il conflitto sarà la soluzione migliore.

7. Sorvolare i problemi

Per evitare totalmente i litigi, c’è chi preferisce far finta di niente e sperare che i problemi si risolvano da soli. Magari per qualche problema può funzionare (anche se effettivamente non mi viene in mente alcun esempio…), ma per la maggior parte dei casi questo atteggiamento è deleterio.

È un po’ come notare che la macchina è in riserva e non andare a fare benzina, sperando di non rimanere mai a piedi. La situazione non solo rimarrà “critica” e invariata, ma si aggraverà ogni giorno di più, fino a dover andare effettivamente a piedi o addirittura a dover spingere la macchina per non lasciarla in mezzo alla strada…

Questo è esattamente ciò che succede quando si trascura un problema. Possiamo far finta di nulla e tenerci tutto dentro, ma prima o poi tutti i nodi verranno al pettine e saremo costrette ad affrontare non uno ma una serie lunghissima di problemi che, nel tempo, si saranno anche aggravati!

Affrontiamoli quindi uno alla vota, senza rabbia repressa e utilizzando tutta la pazienza e la calma che avremmo sfruttato per sorvolarli. Anche se ci fa paura, sarà più facile risolvere la situazione subito e non rimandare.

8. Usare i “ricatti emotivi”

Scegli: o me o i tuoi amici“, “Se non smetti di fumare il nostro rapporto non può continuare“, “Se non diventi più maturo sarò costretta a lasciarti“…
Tutto ciò può essere giusto in alcuni casi, ma in un normale rapporto questi “ricatti” non aiutano l’altra persona a migliorare. Portano anzi la persona a chiudersi e a vedere la relazione come un problema, una prigione.

Impariamo ad affrontare indirettamente i comportamenti che non accettiamo nel nostro partner, ad esempio:
Come mai preferisci uscire con i tuoi amici invece che con me? Ti sento sempre più distante e poco interessato, c’è qualche motivo o qualcosa che non va?
Mi dispiace vederti fumare e sentirti tossire e star male per questo. Posso aiutarti a smettere? Sono sicura che non intaccherebbe la tua mascolinità 😛
So che la nostra relazione per ora va bene così, ma non posso non pensare al futuro e vorrei sapere se anche tu ci pensi. Come ci vedi tra 5 anni?

Ricordiamo sempre che non possiamo cambiare il carattere di una persona se questa persona non è motivata a cambiare da sola. Diamogli dei motivi per cambiare 😉

Conclusione

Spesso pensiamo che queste abitudini siano la soluzione migliore per gestire i vari problemi che la vita ci propone, ma col tempo, rischiano solo di deteriorare il rapporto e farci sentire sempre più infelici.

Varrà quindi la pena provare a modificarle? 😉

Immagini tratte da Google Immagini
Hai trovato l'articolo interessante?
Condividilo
con le tue amiche!
Sei d'accordo con quello che abbiamo scritto?
Hai bisogno di un consiglio specifico?
Scrivicelo nei commenti!
⇣⇣