Come Riconquistare un Uomo. La Guida Pratica di Venor

Ancora innamorata del tuo ex? Segui questa guida per farlo tornare da te il prima possibile

Venor - Seduzione Sesso Amore
Come riconquistare un uomo - guida pratica - Venor - Seduzione Sesso Amore
Il passato spesso fa male e ci fa soffrire, ma altrettanto spesso nel passato possiamo trovare le risposte per il nostro futuro.
Venor

Se sei arrivata su questo articolo, immagino che la parola d’ordine per te sia “subito”, perché è subito che rivuoi il tuo ex accanto a te.

Ho però una buona e una cattiva notizia per te:

  • La cattiva è che ti ci vorrà almeno una settimana prima di poter riconquistare il tuo ragazzo.
  • La buona notizia è che, superata questa prima settimana, le tue chance di riconquistarlo saranno almeno il doppio di quelle che hai ora.
Per chi ha fretta

Se vuoi essere certa di riconquistare il tuo uomo in una sola settimana, allora non puoi lasciarti sfuggire il libro “Come Riconquistare il tuo Uomo in Appena 7 Giorni“, che spiega una strategia interessante per ottenere risultati in pochissimo tempo. L’autore offre una garanzia “soddisfatta o rimborsata al 100%”, quindi vale la pena tentare.

Perciò, cominciamo subito e mi raccomando, segui tutti i passi della guida e riconquista il tuo uomo 😉

Chi è arrivata qui ha cercato:
  • Non mi ama più come faccio a riconquistarlo?
  • Come farlo innamorare ancora di me?
  • Ci siamo lasciati ma lo amo ancora
  • Voglio farlo tornare con me è possibile?
  • Ha detto che non mi ama più come fargli cambiare idea

I Passi per Riconquistare un Ex

Immagini tratte da Google Immagini
Hai trovato l'articolo interessante?
Condividilo
con le tue amiche!
Gratis per Te
la Guida

SAT - Scelto Attratto Tuo

  • Smetti di perdere tempo con uomini non adatti a te
  • Attrai da subito l'uomo che hai scelto
  • Conquista il suo cuore e fallo tuo
SAT - Scelto Attratto Tuo: I 3 Passi per Conquistare un Uomo - Venor - Seduzione Sesso Amore
Inserisci il tuo nome e la tua e-mail e riceverai direttamente nella tua casella di posta il link per scaricare la guida
I tuoi dati sono considerati confidenziali e non verranno mai ceduti a terzi.
Sei d'accordo con quello che abbiamo scritto?
Hai bisogno di un consiglio specifico?
Scrivicelo nei commenti!
⇣⇣
  • Gaia

    Ciao Francesca, ti descrivo brevemente la mia situazione. Il mio ragazzo mi ha lasciata un mese fa dopo 2 anni di convivenza, dopo una brutta litigata ed è tornato a vivere dai suoi genitori. Non vuole parlarmi e non vuole più avere niente a che fare con me e io ci sto male.Noi lavoriamo nella stessa azienda e lo vedo praticamente tutti i giorni ma non mi permette di parlare con lui. Vorrei chiarire con lui e fargli sapere che lo amo ancora ma non so come fare. Come posso convincerlo a lasciarsi riconquistare?? Grazie

    • Ciao Gaia, per poterti rispondere meglio, avrei bisogno di conoscere altri particolari:
      – Vi eravate già allontanati in passato per altre litigate?
      – La lite a cosa era dovuta?
      Da ciò che hai scritto, lui ora è molto arrabbiato con te ed è importante capire se la sua rabbia sia giustificata o meno.

      In questi casi comunque, è importante che lui possa “sbollire la rabbia” e che, pian piano, abbia contatti tranquilli con te. Quando lo incontri ad esempio, non fargli capire che vorresti dirgli quanto lo ami e convincerlo a tornare con te, ma parlargli solo e unicamente di argomenti lavorativi o di circostanza (ad es. “oggi è davvero una bella giornata”).

      Questo ti farà apparire diversa dal solito e lo potrebbe portare ad essere più aperto nei tuoi confronti. Forse dovrai portare un po’ di pazienza, ma tornerà a parlarti e, a quel punto, avrai la tua possibilità di riconquistarlo 😉

      • Gaia

        Ciao Francesca, di altre litigate ne abbiamo avute… tante… perchè lui è molto geloso. Anche quella volta è stato per gelosia perchè un amico mi continuava a scrivere su whatsapp e lui voleva leggere per primo i messaggi. Gli ho detto che non era giusto perchè erano cose sue personali e allora si è arrabbiato perchè ha detto che gli nascondevo qualcosa e dopo un po’ che litigavamo ha detto che lui non ne può più e che è stanco di farsi prendere in giro da me e se nè andato via.
        Ora proverò a lasciargli il suo spazio. Ti farò sapere se funziona! grazie e buon anno!

        • Buon anno anche a te Gaia, attenderò tue notizie 🙂
          Ricorda comunque che la gelosia non fa mai bene alla coppia e che, per far in modo che la vostra relazione possa durare, è importante porvi un freno.
          Per non farlo essere geloso, il modo migliore è quello di non dargliene la possibilità. Ad esempio, coindividi con lui i messaggi che ricevi e coinvolgilo nel trovare i consigli migliori da dare ai tuoi amici. Probabilmente dopo aver letto qualche messaggio capirà che le tue conversazioni con gli amici sono innocenti e non avrà più bisogno di guardarle.
          La fiducia è fondamentale nell’amore. Fai di tutto perché lui possa averla in te e sarà molto più facile riconquistarlo 😉
          A presto,
          Francesca.

          P.S. Attenta però, se continua ad essere geloso nonostante non ne abbia alcun motivo, avere una relazione con lui potrebbe non essere la scelta migliore per te.

  • Aurora

    Cara Francesca, cercherò di scrivere la mia storia molto brevemente, credo di vivere una condizione simile a quella di molte coppie che si lasciano, ma spero di poter recuperare la mia relazione con il mio ex compagno.

    Siamo stati fidanzati per tre anni, i primi due anni son stati naturalmente meravigliosi. L’ultimo anno è stato caratterizzato da un lento distacco prima da parte mia e poi da parte sua, non avevamo mai tempo per niente, sempre stressati dal lavoro e questioni fuori dalla coppia. Ciò ha comportato un distacco fisico e un calo dell’attrazione (legato secondo me agli stati emotivi, se uno è stanco e stressato, difficilmente riuscirà ad eccitarsi). La vicinanza sessuale è stata sostituita da coccole e dolcezza e questo ha contribuito a ridurre ancora di più l’attrazione. 5 settimane fa lui mi ha lasciata dicendomi che così non poteva continuare e lo spaventava che non sapeva come tornare indietro. Non riesce a vedermi come prima, credo che ora mi veda come una bimba bisognosa da proteggere, una santarellina. Manca attrazione fisica e di conseguenza è diminuita anche quella a fare le cose insieme. Per poco più di 3 settimane non ci siamo sentiti. La settimana scorsa l’ho chiamato e in questa settimana gli ho scritto due volte. Lui è ambiguo, mi tiene due ore al telefono, dice che sentirmi è bello ma si sente in colpa perchè non è sicuro di quello che prova e non vuole illudermi. Lui si sente in colpa per il dolore che ha causato e si agita, dice di voler stare solo e si sente in colpa per questo, mentre io invece cerco di farmi vedere solare e propositiva ma lui riporta il discorso sul “non mi va di parlarne”. E’ troppo presto? Devo lasciargli più tempo?

    Grazie!

    • Ciao Aurora,
      essendovi lasciati a causa del calo di desiderio sessuale non ti consiglio di aspettare. Purtroppo il distacco può servire solo a fargli volgere lo sguardo altrove…

      La prima cosa da fare, se vuoi riconquistarlo, è chiarire bene a te stessa come vorrai far diventare la vostra relazione. Quando ci si lascia infatti, si è disposti un po’ a tutto, anche a tornare ad eccitarsi come prima con lui. Ma sarà così anche tra un altro anno? E tra 10, 20, 30 anni (se il tuo obiettivo è quello di passare con lui tutta la vita)?

      È importante che tu sia sincera con te stessa e consideri attentamente il calo di desiderio che hai avuto nei suoi confronti, perché la situazione in futuro non migliorerà e lo stress legato al lavoro, le bollette e magari i figli, sarà sempre presente. Quindi chiediti sinceramente se lo ami ancora come prima o se la vostra relazione fosse diventata per te solo un’abitudine e se il tuo rivolerlo con te sia dettato dall’amore o dalla paura del ricominciare una vita nuova.

      Se invece, come sembra, tu lo ami ancora… passa subito all’attacco!

      Devi riscoprire il tuo lato passionale e sedurlo. Riprendendo quanto scritto nell’articolo sai che devi mostrarti diversa ai suoi occhi perché lui possa cancellare l’idea della santarellina che era arrivato a farsi di te. Sii più provocante, nei gesti, nel modo in cui ti vesti, nel modo in cui pensi ai tuoi incontri con lui (attenzione sempre a non esagerare ;)).

      Quindi, non contattarlo tramite il telefono, ma vai da lui di persona e seducilo. Fagli capire quanto ti manca anche dal punto di vista fisico (e dimostragli di non essere una santarellina ;)).

      Digli di essere consapevole che nell’ultimo anno questo distacco fisico vi ha portato ad essere più amici che amanti, ma che, se lui lo vorrà, avete la possibilità di riaccendere la passione tra di voi (a questo proposito ti consiglio anche l’articolo 8 passi per ritrovare la passione).

      Se il problema riguarda solo un calo di passione, con la sincerità e tanta voglia di fare potrete risolvere 🙂
      Un abbraccio,
      Francesca.

      PS: Ricorda che è però importantissimo per te è capire se ti senti pronta a chiudere con il passato e a iniziare una vita più passionale. Se la risposta (sincera) che dai a te stessa è “no”, allora devi lasciarti alle spalle questa relazione e cercare un uomo più “tranquillo” e simile a te.

      • Aurora

        Prima di tutto grazie per la risposta molto veloce. In realtà io mi manco molto, mi manca quella parte di me passionale e provocante, solo che lui ora non riesce ad eccitarsi, io provo a flirtare con lui ma dice di essere lui a non funzionare. Mi dice che sono molto bella ma non è attratto da me nè da altre, sembra su uno stato “depressivo” quindi ho paura di fargli insistenze perchè magari davvero non è pronto. Parlare con me lo destabilizza. In queste settimane ho pensato molto all’idea di stare con lui per abitudine, ma sento che i sentimenti che mi legano a lui non sono quelli dell’affetto. Io credo di amarlo ma averlo dato per scontato, e abbiamo smesso di parlare. Per paura di ferire l’altro non ce lo dicevamo, anche se sapevamo di non stare bene, per questioni legate al lavoro (lui ora sta attraversando un momento molto impegnativo e difficile con il lavoro). Grazie ancora, adesso leggo l’articolo che mi hai linkato!

        • Ciao Aurora,
          ho pensato un po’ alla vostra situazione e soprattutto al fatto che lui ti abbia detto di “non funzionare”. Non posso esserne certa, ma questo suo stato “depressivo” potrebbe essere dovuto ad un piccolo trauma che si verifica in ogni coppia quando la passione viene a mancare. Praticamente, prima si era abituati ad avere rapporti sessuali molto eccitanti e, improvvisamente, si comincia a far fatica a rimanere eccitati per tutta la durata del rapporto che diventa macchinoso e non proprio piacevole. Il risultato è solitamente quello di non riuscire a soddisfare né se stessi né il proprio partner e si associa al rapporto sessuale questa sensazione spiacevole, portando ad evitarlo (anche inconsciamente) pur di non riviverla.

          Diventa quindi poco importante quanto l’altro sia attraente o provocante. Si entra in uno stato di blocco.

          Se pensi che questo possa essere il vostro caso, dovrai riavvicinarti a lui il prima possibile, ma senza uno scopo sessuale (altrimenti rischieresti di riattivare in lui il blocco). L’ideale potrebbe essere prendere un buon té caldo assieme, durante il quale chiacchierare solo se ve la sentite e solo di cose importanti (niente pettegolezzi o frasi di circostanza. Anche se può sembrare che aiutino a spezzare l’imbarazzo, servono solo ad aumentare il distacco). Dovrai creare con lui una situazione piacevole e rilassante di intimità.

          Prova a proporgli una prova simile, “senza impegno”.
          Nel tuo caso, se vuoi recuperare il rapporto con lui è fondamentale che vi vediate e che possiate passare dei momenti piacevoli assieme, anche se inizialmente non per scopi sessuali.

          Buona riconquista 😉
          Francesca.

          • Aurora

            Cara Francesca,
            Io credo che tu abbia compreso e descritto buona parte del problema e ti ringrazio per questo.
            Quello che mi e ti domando, abusando ancora della tua disponibilità, è come faccio a chiedergli di vederci se lui ora non vuole impegnarsi con me e teme che io voglia vederlo con il fine prossimo di metterci di nuovo insieme, e come faccio a fargli distogliere lo sguardo dai sensi di colpa? Se avremo la possibilità di stare di nuovo bene insieme, lui deve stare più tranquillo e leggero, e anche io.
            Inoltre temo che a lui i discorsi intimi lo riportino ad uno stato mentale “è la mia fidanzata” e lui non riesce a reggere tale responsabilità.
            Vorrei chiamarlo e chiedergli di vederci, ma temo un rifiuto.

            Grazie davvero per le risposte,
            Aurora

          • Ciao Aurora,
            so che la possibilità di un rifiuto fa paura… ma se lo vorrai riconquistare è una paura da sconfiggere, perché l’attesa non porta (quasi) mai ad ottenere ciò che si vuole.

            Per come fare a chiedergli di vederti… io punterei tutto su una richiesta diretta e sincera: è importante che vi vediate perché dovete entrambi chiarire le vostre sensazioni e i vostri sentimenti. Restare in un limbo in attesa di “qualcosa” vi sta portando solo a stare male e a perdere tempo prezioso. Fa paura confrontarsi con la realtà, ma è importante (sia che decidiate di rimettervi assieme, sia che decidiate di chiudere definitivamente la relazione), che questa situazione venga risolta nel modo più maturo possibile, quindi con un confronto faccia a faccia.
            Evitare quel momento non significa risolvere i problemi, ma solo far finta che si possano risolvere da soli.

            Se lui è abbastanza maturo e sincero su ciò che prova, non rifiuterà un incontro. In caso contrario, valuta attentamente se valga la pena lottare per un uomo immaturo che tende a scappare dai suoi problemi. Forse adesso potrebbe non essere un problema così grande, ma in un futuro con una casa da mandare avanti e dei figli da mantenere non è un atteggiamento accettabile (e ricorda che lui non cambierà in futuro).

            Quando ci sono scelte e situazioni importanti da affrontare si ha sempre paura, ma è solo decidendo di superarla che possiamo fare qualcosa per ottenere la nostra felicità 😉
            Ti sono vicina,
            Francesca.

            P.S. Se non dovesse risponderti ancora al telefono (prova una volta ogni tanto, non in continuazione), non esitare ad andare direttamente da lui. Forse è una soluzione un po’ azzardata, ma gli spiegherai dal vivo le motivazioni che ti hanno portata a farlo. Fagli capire che tu non sei disperata, sei solo una donna matura che non ha intenzione di scappare davanti alle difficoltà.

  • sara

    Ciao francesca ti racconto in breve la mia storia.sono stata fidanzata per un anno e mezzo.una storia stupenda piena d amore e da invidiare a tutti.un mese e mezzo fa ci siamo lasciatii per una discussione in cui mi trovavo in un periodo di stress dovuto al lavoro e a dei miei problemi di alimentazione dovute a forte intolleranze.ero sempre stanca senza forze e mi son chiusa in me stessa nonostante lui abbia cercato di capire cosa avessi.il problema è cje non lo sapevo neanche io.da una discussione piena di dubbi e punti di domanda mi ha lasciato dicendomi che non sapeva cosa voleva non sapeva più chi era e che aveva bisogno di tempo.ho provato a lasciarlo syare ma mi son yrovata persa senza di lui.dopo qualche settimana ho provato a non cercarlo anche perché stava passando un brutto periodo a casa per via dei suoi genitori che non vanno d accordo e le troppe responsabilità sul lavoro che sta portando avanti perché lavora con suo papa.dopo qualche settimana si è fatto sentire ci siamo visti anche perché stavamo sistemando casa per andare a convivere.quando stiano insieme stiamo benissimo siamo sereni e felici maha troppe paure e incertezze su di me e sul nostro futuro.ho provato a fargli capire che il suo problema che sta vivendo a casa non lo aiuta fino a quando non affrontera faccia a faccia suo papà. Non so più come aiurarlo io vogloo solo il suo bene e ho ls certezza che siamo fatti l’uno per l altro.ma cosa devo fare????

    • Laura

      Ciao sara! anche io sto vivendo una situazione simile e non so cosa fare??? sto provando a lasciargli il suo spazio ma non sembra funzionare…. e lui mi ha detto che non sa se mi ama ancora e non mi risponde più ai messaggi…. come si fa a cancellare le loro paure??? io ho pensato di scrivergli una lettera per fargli capire quanto lo amo e che per lui ci sono sempre ma non so se la leggerà…. vorrei tanto poter tornare indietro nel tempo….

      • sara

        Ciao laura…se credi che scrivendogli la lettera fallo!!! L ho fatto anche io la sua reazione è stata dirmi grazie piangendo e dicendomi che non lo sa!! Il tempo dicono che aiuta a sistemare tutto!! Non saprei neanche io! Se è vero amore allora si sistema.non si può tener legata una persona a se! Bisogna essere convinti entrambi!

      • Ciao Laura,
        in questo caso una lettera può essere un’ottima iniziativa purché sia molto concreta e poco romantica.

        Lui probabilmente sa bene che lo ami e che desideri tornare assieme a lui e non ha bisogno di una lettera per ricordarlo. Diventa molto interessante invece nel caso in cui, nella lettera, venga scritto perché dovrebbe tornare sui suoi passi e rimettersi con te, ad esempio:
        – Cosa lo faceva star bene con te?
        – Cosa ti diceva quando ti amava?
        – È davvero disposto a lasciarsi tutto alle spalle e a non riviverlo più?

        Una lettera d’amore, quando non si è più una coppia, deve essere scritta sempre da un suo punto di vista.

        Risulterà incredibilmente più efficace 😉

        Un abbraccio,
        Francesca.

    • Ciao Sara,
      il tuo ragazzo in questo momento si trova tra due fuochi: la sua situazione famigliare problematica con cui convive costantemente anche a causa del lavoro e la relazione con te sulla quale ha paura di contare (probabilmente non solo per la vostra discussione, ma anche e soprattutto a causa dell’esempio dei genitori…).

      La nota positiva è però che sia stato proprio lui a farsi sentire dopo che avevi rispettato i suoi tempi e che, durante l’incontro, siate stati bene. Questo fa davvero ben sperare per il vostro futuro 🙂

      Può essere che lui ora abbia solo bisogno di capire che le due realtà che sta vivendo (famiglia e relazione con te) siano completamente separate l’una dall’altra e che non possono e non devono influenzarsi a vicenda.
      Organizza altri incontri con lui e, quando siete assieme, non spingerlo ad affrontare suo padre. Fagli sapere solo che tu sarai presente quando vorrà farlo e che, se vorrà, potrà prepararsi a quel confronto assieme a te. Digli che è giusto che lui si prenda i suoi tempi per farlo, perché sono situazioni delicate ed importanti.
      Questo lo farà sentire compreso e saprà di poter contare su di te nel momento del bisogno.

      Per sistemare la situazione tra di voi, non so se con lui tu ne abbia parlato, ma immagino che gli farebbe molto bene sentirsi dire che il tuo distacco iniziale causato dallo stress e dalle intolleranze è stato per te un comportamento sbagliato che non intendi ripetere. Fagli sapere che, se dovessero ripresentarsi situazioni simili tra voi, farai di tutto per affrontarle senza chiusure.

      Per farlo tornare da te, la possibilità migliore che hai è quella di ridargli la sicurezza che ora gli manca.

      Fammi sapere quale sia la sua reazione a questi comportamenti 🙂
      A presto,
      Francesca.

  • Giusy Ele

    Ciao Francesca!
    Ho davvero bisogno di consigli pratici!
    Io e il mio ragazzo (23 anni io – 28 lui) ci siamo da poco lasciati perchè lui nell’ultimo mese mi ha più volte comunicato il suo bisogno di stare un pò solo per fatti suoi nonostante sapesse che insieme stiamo bene. Infatti le sue crisi “mistiche”, così le chiamo, duravano si e no tre giorni perchè poi parlando e riavvicinandoci lui tornava sui suoi passi, ma ovviamente non risolvendo nulla in maniera reale. Il suo problema è che anni fa ebbe una relazione seria ma tormentata dopo la quale non è stato più lo stesso. Da allora vivere delle relazioni per lui è più complicato, vive sempre queste crisi io non sono stata la prima! ma avendolo sempre saputo sono 8-9 mesi che gli sono accanto e ti giuro è/era una storia perfetta! Infatti lui ogni volta dice che io per lui sono perfetta, che sono bella brava ed intelligente e sa che un domani rimpiangerà tutto e si mangierà le mani, ma che ora sente di stare in solitudine! Cosa che non nasce da mancata libertà perchè è una relazione in cui ci fidiamo ciecamente, ognuno ha i propri interessi ed abitudini, alcune condivise. E’ una di quelle storie dove veramente stare insieme è, o meglio era, facile come respirare!!! Non litigavamo mai o quasi, nessuna motivazione materiale che può portare lui, o io perchè no, ad allontanarsi o capire che siamo incompatibil, perchè anzi a volte ci stupivamo di come entravamo in empatia e viaggiavamo sulla stessa lunghezza d’onda!!!!
    Ovviamente non ha mai preteso che io lo aspettassi durante queste crisi (che secondo me è una sola ma mai risolta) ma io l’ho sempre fatto, fino a sabato scorso che ho deciso di allentare la presa. Ci siamo comunque un pò sentiti e in un paio di occasioni incontrati in maniera neutrale, oggi ad esempio deve accompagnarmi a un colloquio di lavoro e non essendoci nessuno che può portarmi (è leggermente fuori città) lui è disposto ad accompagnarmici. Io non so davvero come comportarmi, sto in ansia e vorrei davvero riconquistarlo o tranquillizzarlo, farei di tutto per lui ma ora mi sento davvero persa!!! Necessito di consigli! 🙁

    • Ciao Giusy Ele,
      la tua situazione è complicata, perché per te non si tratta semplicemente di riconquistare (lui infatti dice di trovarti perfetta), ma principalmente di aiutarlo a crescere e a migliorare la sua vita, quindi tutto verte su di lui e non su di te.

      Innanzi tutto, la vostra storia stava superando ora la fase iniziale, quindi è assolutamente normale che si sia verificata una crisi.
      Nel vostro caso è dovuta al suo passato e anche, forse, dalla vostra differenza di età (lui ormai vicino ai 30 anni e tu molto più vicina ai 20). Suppongo che lui pensi al fatto che le relazioni alla sua età hanno grandi possibilità di portare al matrimonio e questo lo potrebbe spaventare un po’ (questo te lo dico per aiutarti ad avvicinarti ad un punto di vista che potrebbe avere).

      È importante, prima di tentare di riconquistarlo, che tu sia consapevole che con i vostri presupposti, dovrai avere una gran voglia e l’energia necessaria per superare il “muro” che ha creato tra voi, prima di partire, perché dovrai scontrarti non solo con dei problemi (o piccoli traumi), ma anche con la sua ritrosia nell’affrontarli.

      Per avere qualche chance, la prima cosa da fare comunque è di smettere di giustificare queste sue “crisi mistiche”. Non esiste il bisogno di solitudine di cui lui ti parla.
      Se ti sentisse così perfetta per lui, non ci penserebbe nemmeno ad allontanarsi.

      È più facile invece che tu abbia degli atteggiamenti che gli ricordano l’ex e che questo lo metta in guardia e lo faccia sentire insicuro.
      Oppure che lui non senta più il sentimento che provava per te all’inizio e che non riesca a capire se sia tutto finito o se quel sentimento si stia evolvendo.
      O ancora che lui ora non abbia nessuna intenzione di vivere una relazione “seria” e che, adesso che tutto si sta davvero delineando, lui cerchi una scappatoia.

      È fondamentale quindi un confronto diretto e sincero con lui:

      Lui deve darti una motivazione valida per la sua crisi e deve essere qualcosa di risolvibile (che si risolva con un confronto o con una separazione definitiva, ma deve essere risolvibile).

      Non accettare un “sono fatto così” oppure un “lo sai che con la mia ex è andata male e ora ho delle crisi”. Se ha delle crisi, ci deve essere qualcosa che le scatena, si deve sapere cosa è e si deve valutare assieme come risolvere il problema che può voler dire parlarne assieme, oppure andare da uno specialista se il trauma è troppo profondo. Questo non è da fare solo per un “voi”, ma soprattutto per lui, per permettergli di vivere una relazione serena.

      Se lui non vuole risolvere i problemi, non potrai far altro che aspettare e/o ricominciare a guardarti intorno… Ma se si dimostra disposto a risolvere la situazione, il vostro futuro assieme sarà molto probabile e felice.

      Con lui hai ancora un bel rapporto e puoi sfruttare la situazione a tuo favore per un confronto maturo e pacifico. L’importante è che tu sia completamente determinata a conoscere la verità da lui 😉

      In bocca al lupo!
      Francesca.

  • Mk303

    È da un mese e mezzo che ci siamo lasciati. Dopo sei anni insieme.(prima relazione, io 24 anni e lui 27) lui studia fuori e scendeva solo il fine settimana. Ci sentivamo tt i giorni al cellulare e il fine settimana stavamo insieme e qualche volta con gli amici. Nel periodo di natale tt andava bene come sempre, poi il giorno della vigilia di capodanno si comportava in modo nervoso e abbiamo litigato. La mattina dopo mi dice che vuole la pausa perché non sa più se mi ama o no ma allo stesso tempo mi riempie di forti parole d’amore, che soni la persona più importante della sua vita e altro. Io gli do questa pausa (lui non si fa sentire) ma dopo 2 settimane gli chiedo di vederci perché non riesco più a sopportare. Ci vediamo per mettere un punto della situazione e lui mi offende dicendomi tt e di più, dandomi la colpa su tutto, che io non ho capito i suoi segnali”. Ma tt scuse.. Critica il mio fisico, il mio carattere, il mio modo di essere. Tutta un’altra persona ai miei occhi freddo, indifferente e senza cuore. Mi faccio scivolare tt addosso e nonostante questo gli dico di pensarci sù bene. Perché se dici che sono importante perché poi ti comporti così. E lui niente è convinto di quello che dice. Gli chiedo se ha conosciuto un’altra, mi dice di no. Mi dice se vuoi troviamo un compromesso, . E io a quelle parole non c’è visto più, io non solo di soffrire ma dv stare aspettare te se è quando ti fai sentire? Gli ho detto scegli.. O tt o niente e lui ha scelto di no. Ed è finita. Se rimasta senza parole. In tt questastoria si è comportato malissimo, mi ha mentito e ferito cm non mai e dovrei odiarlo e dimenticarlo ma nel profondo del mio cuore vorrei ancora averlo cn me, voglio riconquistarlo.

    • Ciao Mk,
      dalla situazione che hai descritto non vedo molte possibilità di riconquista, tuttavia, se sei davvero determinata, potresti avere una chance.

      La tua chance si basa sul fatto di riuscire a cambiare per lui. Intendo proprio un cambiamento radicale, come potrebbe essere quello di Sandy in Grease. Stessa determinazione, stessa apertura mentale.

      Sei stata con il tuo ex fidanzato per 6 anni, quindi saprai perfettamente cosa gli possa piacere. Cosa desidera? Che tu abbia le gambe più magre? Che sia più “spavalda”?
      Sei pronta a diventare la donna che lui vorrebbe ora nella sua vita?
      Ma soprattutto… ti piacerebbe essere quella donna?

      Lui è molto chiuso ora, quindi per riconquistarlo dovresti essere tu a cambiare per lui, ma questo potrebbe voler dire rinnegare te stessa senza nemmeno la garanzia di poterlo riavere al tuo fianco.

      Perciò tutto si riduce ad un’ultima domanda:
      Vuoi restare quella che sei o desideri essere diversa (e non per lui, ma per te stessa)?
      È una scelta, in entrambi i casi, difficile e coraggiosa.
      Cosa senti sia giusto fare per te?

      Un abbraccio,
      Francesca.

  • Venere

    Salve Francesca, ho 29 anni, circa tre anni fa iniziai una bellissima storia con un ragazzo che mi adorava, ma dopo 7 mesi a causa della mia forte insicurezza e della mia poca libertà mi lasciòdicendomi che a causa di ciò non andava oltre il volermi bene, io allora decisi di sparire ma dopo una settimana lo ricontattai con una scusa e lui accettò subito (anche perché pure lui stava soffrendo) ci vedemmo , parlammo tranquillamente e ci abbracciammo… mi strinse così forte quasi da farmi mancare il respiro, mi fece sentire il battito del suo cuore e da lì tutto ripartì alla grande… mi spronava a cambiare, a ribellarmi e mi promise di aiutarmi sempre e che sarebbe stato a fianco a me in questa battaglia …mi
    disse Ti amo, mi volle presentare ai suoi genitori e volle conoscere i miei e andammo avanti per un anno…ma passarono i mesi e la situazione non cambiò molto da parte mia, rimasi purtroppo la stessa…il mio adagiarmi nel non avere un lavoro e nel mio modo passivo di affrontare la vita (l’opposto suo praticamente,che aveva due lavori e mille cose da fare tanto da non riuscire mai a stare a casa a non far nulla ) e mi lasciò di nuovo…dicendomi che non sapeva cosa volesse dalla vita ! Sta volta però decisi di non ricontattarlo più …vedeva che uscivo che mi divertivo attraverso i social e dopo un mese con la scusa degli auguri di pasqua mi ricontattò dicendomi appunto che era una scusa e mi chiese di rivederci…ovviamente risposi di si…venne sotto casa mia…parlammo per un paio d’ore mi chiese di fargli capire cos’era l’amore che gli mancavo e che non era abitudine e che tra di noi c’era chimica ma era il suo cervello a portarlo via da me… si mise quasi apiangere , mi prese e mi abbracciò fortissimo e da lì piano piano si fece risentire mi chiese di rivedermi iniziammo dunque a rifrequentarci… mi disse che ero io quella giusta e che ogni volta quando si allontanava non era perché cercasse qualcun’altra perché nelle altre cercava me e che forse stava rovinando una storia solo per non avere il coraggio e la pazienza di aspettare un mio cambiamento, perché lui era sicuro che ci fosse un’altra me nascosta dietro questi divieti, una persona migliore e lui non poteva chiedermi in quel momento di andare a vivere insieme perché sarebbe stato come prendere una scatola chiusa, mi seguì in un viaggio a Malta dove mi mostrò tanto amore. A novembre mi decisi di dirgli ti amo, lui mi strinse forte mi baciò ma non rispose, io nell’imbarazzo cambiai discorso ma qnd mi resi conto che non aveva risposto ci rimasi talmente male che diventai freddissima…lui invece diventò ancora più dolce e nn fece altro che ripetermi che mi voleva tanto tanto bene…io ovviamente chiesi spiegazioni mi allontanai lui mi disse che io mi ero impuntata sulla parola, che alla fine stavamo insieme quindi il cerchio era chiuso ecc ma io gli risposi che non era così…insomma non lo accettai e una notte mi scrisse che ammetteva il fatto di metterci troppo tempo nel capire i suoi sentimenti ma ciò nasceva dal fatto che non voleva ferirmi più di quanto non avesse già fatto in passato ma che il mio essere glaciale non lo aiutava anzi lo scoraggiava… ma io gli risposi che non potevo costringere nessuno ad amarmi e se lui non era riuscito ad amarmi in tutto questo tempo l’amore non gli sarebbe mai nato e che forse la persona giusta doveva ancora arrivare per entrambi… evidentemente il suo era un volere bene come un’amica o come una sorella …e lui mi rispose che da molto più valore alla complicità, al volere bene e ai progetti di vita insieme anziché alla parola stessa e che mi voleva bene non come un’amica come intendessi io anzi mi voleva bene più di chiunque altra ma che non riusciva a dirmi M*******E !e se questo non mi bastava non poteva costringermi… Cmq da lì seguirono 2 mesi di silenzio…ma a gennaio decisi di ricontattarlo…lui mi disse che non si aspettava che mi facessi risentire ma a me sembrava contento di ricevere un mio mess infatti quando gli chiesi di vederci mi disse subito di andare a mangiare qualcosa…Solo che la serata non andò bene o meglio partì bene con un po’ di imbarazzo da parte di entrambi fino a quando parlammo del più del meno dei vari progetti ecc ma qnd si toccò l’argomento NOI iniziò ad essere più arrogante, dicendomi che l’amore non esiste o che probabilmente la ragazza per lui non esiste…che non riesce a provare quell’amore incondizionato di cui io gli parlo, quello che lo fa stare con me nonostante tutte le cose che gli danno fastidio, che con me non ci vuole riprovare perché se non cambio saremmo nuovamente punto e a capo ecc… poi però quando la serata stava volgendo al termine iniziò a dirmi (visto che avevo in progetto di farmi la stagione invernale come cameriera da qualche parte ) Ah quindi non ti farai risentire più? neanche quando scenderai quindi non ci prenderemo mai una birretta insieme?oppure cose del tipo quindi io non ti vedrò mai ubriaca vero? ed io ovviamente risposi sempre no!Si arrabbiò pure quando gli dissi che i soldi li avrei messi sul conto o li avrei dati a sua sorella, perché vuole che glieli dia di presenza perché mi dovrà proporre un’altra cosa a cui ha pensato in questi due mesi di silenzio. Arrivati sotto casa quando lo salutai con un bacio sulla guancia mi accorsi che mi voleva salutare in modo diverso da come lo salutai io ma cmq scesi dalla macchina e dopo un po’ mi arrivò un suo mess al cell con su scritto : TI VOGLIO BENE…NOTTE. ma io non risposi. Nei giorni seguenti vidi dei suoi “mi piace” in alcune foto di ragazze amiche sue e da lì mi scattò l’embolo e lo ricontattai dicendogli che poteva dirmelo tranquillamente che gli interessava qualcun’altra anziché inventarmi scuse come l’amore non esiste bla bla bla… lui mi disse che stavo prendendo un grosso abbaglio che me lo diceva con il cuore in mano che lui ha una sola parola e che non si sarebbe nascosto dietro un dito se gli fosse piaciuta qualcuna e che avevamo bisogno di un’altra chiacchierata. Passano i giorni e lui non mi contatta per vederci e riparlare però non mette più nessun like a ragazze…allora decido di SPARIRE ,niente fb niente di niente … Dopo una settimana decido di entrare nuovamente nel mio profilo ovviamente restando offline e subito mi arriva un suo mess ( Lui aveva il modo di controllare anche se io non fossi online se ero lo stesso collegata) e mi scrive :ciao come stai? io chiudo tutto e non risp …mi ricollego dopo 5 giorni e noto che mi aveva riscritto : … ! Gli rispondo cordialmente Ehi tutto bene grazie..ops ho scordato a scriverti Ciao hihhi… lui mi risponde : eeeeh il saluto è degli angeli.. ed io non rispondo più… dopo un giorno trovo un altro suo mess con su scritto : Ti va se questa settimana continuiamo quel discorso che avevamo lasciato a metà? niente niente avrai aggiunto qualche altra spasimante alla mia lista…. ed io gli ho risp sempre cordialmente di no perché per me andava bene così..( insomma volevo tirarmela un po’ 🙁 ) l’indomani era il mio onomastico e mi scrive questo : Ciao , lo so che magari non te ne frega niente ma oggi è il tuo onomastico e siccome ti ho pensata volevo farti tanti auguri…un bacio… e gli rispondo grazie del pensiero 🙂 :* da lì è passato un mese e non si è più rifatto vivo… solo che un sabato ero con una coppia di amici sotto la pioggia per andare a prendere la macchina e l’ho visto dentro la macchina con un suo amico e credo dietro ci fossero ragazze…la sua macchina era appannata dal freddo quindi non credendo di esser visto mi ha fissata tutto il tempo e per tutto il tragitto che abbiamo fatto a piedi e poi non contento è passato lentamente con la macchina guardandomi tutto il tempo…ovviamente noi abbiamo fatto finta di non vederlo era buio ,pioveva… l’indomani verso ora di pranzo mi arriva un mess da parte di Microsoft che mi avvisa che qualcuno poteva aver effettuato l’accesso al mio account … Guarda caso lui aveva la mia password che io l’ avevo cambiata giusto tre giorni prima…Non so cosa significhi tutto questo, sta di fatto che non si fa sentire ed io Non so più cosa fare per riconquistarlo…o meglio sto cercando di cambiare e di diventare indipendente…sto cercando lavoro fuori ma penso che ormai sia troppo tardi per riconquistarlo… 🙁 Mi scuso per essere stata prolissa ma solo lei può aiutarmi a capire se c’è speranza o visto che ci siamo già lasciati altre volte sta volta è veramente finita… 🙁

    • Ciao Venere,
      diamoci pure del tu 🙂

      L’uomo di cui parli sembra essere da sempre molto attratto da te e (nonostante cerchi un po’ di nasconderlo) è molto disponibile a ridarti una chance, quindi non preoccuparti, non dovrai fare troppo per riconquistare il tuo uomo.

      Per poterlo riavere al tuo fianco infatti, dovrai solo mostrarti disponibile per lui (senza tirartela ;)) e dirgli quanto tu sia disposta a cambiare per te stessa e per lui.

      Non lasciarti scoraggiare da dei particolari. È normale che ora non possa provare l’amore incondizionato di cui tu gli parli, perché quel genere di amore non può esistere all’inizio di una relazione. Tra di voi infatti, nonostante tutto sia iniziato 3 anni fa, non c’è ancora stata una “svolta” nella relazione e ad ogni riavvicinamento, tutto è sempre ricominciato da capo. Anche su questo punto però non temere. Se adesso non dovesse riuscire a provare quel tipo di amore che vuoi da lui, nulla vieta che possa nascere successivamente. Devi solo darti il tempo di cambiare e dare a lui il tempo di innamorarsi della nuova te che sta nascendo.

      Non è troppo tardi per riconquistarlo, devi solo valutare quanto per te sia importante e quanto tu sia disposta ad impegnarti per vivere la relazione che desideri 🙂

      In bocca al lupo!
      Francesca.

      • Venere

        Cara Francesca, ti ringrazio infinitamente per avermi risposto e per avermi dedicato un po’ del tuo tempo.
        Sai, venerdì sera mentre ero con un’amica seduta sui gradini di una via piena di localini dove si beve e si mangia, l’ho visto con una sua amica…mi è venuto a salutare , era imbarazzatissimo, abbiamo scherzato un po’ tutti e 4 ed anche se io non lo guardavo direttamente mi sono accorta( ed anche la mia amica) che mi guardava, io ho cercato di essere il più tranquilla possibile anche se in realtà stavo per svenire. Quando mi ha salutata per andare via si è soffermato un po’ a guardarmi come se volesse dirmi qualcosa… anche il suo modo di salutare è stato strano è stato lento… non so come spiegartelo, ma ha messo una mano sulla mia gamba e mi ha dato questo bacio molto lentamente, speravo di avergli suscitato qualcosa tanto da portarlo a ricontattarmi ma invece no… ancora silenzio da parte sua. Io non voglio ricontattarlo questa volta 🙁 vorrei che fosse lui a farlo…ma sembra un’impresa impossibile 🙁

        • Ciao Venere,
          se desideri riconquistarlo, il mio consiglio è quello di ricontattarlo il prima possibile.

          Puoi certo aspettare che ti contatti lui (e prima o poi potrebbe farlo), ma ricorda che nell’amore le tempistiche sono molto importanti.

          Tu probabilmente gli piaci più di quanto gli piacciano le altre ragazze, ma è una situazione provvisoria. Se dovesse arrivare una donna anche più bruttina di te, ma molto attiva e determinata a conquistarlo, potrebbe riuscirci.

          Tutto ora è a tuo favore. Sfrutta il momento, anche se questo può voler dire fare tu il primo passo.
          Se il tuo scopo è riconquistarlo, ha poca importanza chi tra voi due sia il primo a scrivere quel messaggio di riavvicinamento 😉

  • Rugiada

    Ciao Francesca, ho trovato il tuo blog e non ho potuto fare a meno di scriverti per avere un’opinione, un conforto. Sai, le amiche spesso si limitano a liquidarti in 2 secondi col consiglio di lasciare andare, che ci ha perso lui, dicendo sinteticamente che non è la persona giusta, senza cercare neanche di aiutarti a capire i termini della questione. Ho superato i 30 già da un po’ e dopo tante delusioni, 7 mesi fa ho stretto la conoscenza di un ragazzo che sembrava molto diverso dallo standard a cui ero abituata. Poco appariscente, timido, riservato, con obiettivi sani di vita, abbiamo legato facilmente e per la prima volta nella vita mi sentivo apprezzata non per l’aspetto, ma nel profondo, da una persona che mirava solo a farmi stare bene, a farmi sorridere, che non mirava alla fisicità, a secondi fini, ma aspettava il consenso anche solo per un abbraccio, e pensavo di aver fatto finalmente centro. Finite le vacanze che passiamo sempre in case l’una accanto all’altra, non riuscivamo a vederci ancora molto, essendo ad una cinquantina di km di distanza ma, come diceva anche lui, era più importante la qualità della quantità, ed io sentivo che il rapporto cresceva per entrambi ogni volta di più con naturalezza. Solo che sul più bello arriva per lui un’occasione speciale di lavoro a 1000 km di distanza, che accetta subito, malgrado mi comunichi il disagio per come affrontare tutto, visto che nella sua vita erano entrate, con suo stupore, in poco tempo ben due cose belle: l’amore e il lavoro dopo poco. Nel periodo pre-partenza il rapporto si intensifica ancora, ma poco prima del distacco mi manifesta concretamente le sue preoccupazioni per il futuro, che in fondo ancora mi conosce poco per fare una scelta così importante, ed io lo incoraggio a non rinunciare promettendogli che intanto andrò a trovarlo io se non si può muovere, e poi nel futuro, qualora restasse là o altrove, potrei tranquillamente trasferirmi anche io, e che non abbiamo nessuna fretta, e continueremo a conoscerci con calma. Sembra sia convinto, poiché continua a cercarmi, e mi invita a salutarci davanti alla sua famiglia. Ma dalla partenza, preso dalla nuova situazione, da un orario di lavoro sicuramente impegnativo, sono sempre io a doverlo cercare. Più volte glielo faccio notare; lui inizialmente cerca di sminuire, e continuiamo così. Arriva il momento che mi libero dai miei impegni e sono pronta ad andarlo a trovare, ma temporeggia dicendo che deve prima chiedere il permesso e non ha mai un momento libero per farlo. Finché giorni fa, esasperata ulteriormente dal fatto che non solo non cerca ma ora talvolta neanche risponde, nella telefonata che mi fa, improvvisamente mi dice che si rende conto di essere assente e che questo mi fa stare male e di conseguenza fa soffrire lui, e che quindi “per il momento” (lo ripete più volte) non si può continuare. Dice che per ora il lavoro è la sua priorità, che deve prendere decisioni importanti riguardo alla sistemazione lavorativa, che non ha neanche il tempo di pensarmi, e che razionalmente, temendo comunque di pentirsene, sente che mi vuole allontanare come fidanzata (non come amica, anche se io escludo di voler diventare amica), che il nuovo ambiente e la situazione gli hanno fatto cambiare idea, che ci potremmo vedere solo 3 volte l’anno (cosa non vera, perché io mi sarei spostata più spesso). Insomma, una persona che parte dicendo che a me tiene e ormai mi ha a cuore, poi rinuncia a me “per il lavoro”. Ma quando 2 persone si vogliono bene non dovrebbero rinunciare alla prima difficoltà. Allora è un debole o in realtà non ci ha mai tenuto neanche prima? Adesso non lo sto contattando più… spero che così rifletta, provando per la prima volta cosa significa la mia assenza…e che la realtà venga quindi fuori. Faccio bene secondo te? Cosa ne pensi di questa storia? Ci sono speranze che sia solo un momento? Grazie di avermi letto, Francesca.

    • Ciao Rugiada, benvenuta 🙂

      La tua relazione era iniziata molto bene, ma complici la distanza iniziale e il brevissimo tempo in cui siete stati assieme, lui ora ha scelto il lavoro.
      Probabilmente per lui la scelta è stata scontata perché, da ciò che hai scritto, sembra avere un modo di fare molto razionale e concreto. Forse vuole fare una buona figura sul nuovo posto di lavoro e per farlo ha la necessità di concentrarsi unicamente su quello. Sa che ora non può permettersi di gestire una relazione “complicata” che preveda cioè una pianificazione in qualche modo complessa. Non ha il tempo necessario per ascoltarti, vederti e per darti ciò di cui hai bisogno.
      Questo è forse il pensiero che l’ha fatto allontanare da te.

      Per questo motivo, la tecnica del non contattarlo per fargli capire cosa significhi la tua assenza… non credo possa funzionare (in generale, è una tecnica che non funziona quasi mai). Penserebbe semplicemente che hai compreso la sua situazione e che ti vada bene così. Potrebbe farsi sentire ancora, magari per coltivare il rapporto di amicizia, ma non otterresti ciò che desideri.

      Non tutto però è segnato.
      In una situazione come la tua ci sono infatti tre possibilità:
      – Coltivare con lui un rapporto di amicizia e vedere se, più avanti, possa trasformarsi in qualcosa di più (ma è davvero difficile che possa accadere).
      – Rinunciare a lui.
      – Rischiare il tutto per tutto nella riconquista, andando da lui di persona e chiedendogli se una relazione con te, vivendo nella stessa città, quindi con molte possibilità di vedersi senza troppi sforzi e pianificazioni, possa secondo lui funzionare.

      L’unica cosa che puoi fare infatti per riconquistarlo e far crescere la vostra relazione, è quella di andare a vivere nella sua stessa città (sempre che lui sia davvero interessato ad una soluzione simile). Saresti disposta a farlo?
      Sei abbastanza determinata da affrontare il viaggio per parlare con lui faccia a faccia senza la garanzia che lui torni al tuo fianco?

      Saresti disposta anche a cambiare vita, città e a stargli vicino in questo momento in cui lui non riuscirebbe a darti abbastanza?

      Nelle relazioni a distanza (soprattutto in quelle nate da poco), non si può aspettare che l’altro si sia “sistemato” per raggiungerlo in seguito, perché la lontananza distrugge sempre l’amore.

      La tua non è una situazione semplice: devi valutare se valga la pena lottare per riconquistarlo e affrontare un cambiamento radicale per lui e se, nel caso con lui non dovesse funzionare, questo cambiamento sia comunque positivo per te.
      Devi anche valutare se tu sia disposta a mettere da parte te stessa non solo nel caso in cui lui sia disposto a vivere una relazione con te nonostante il momento, ma anche prima, quando dovrai lasciare da parte orgogli e paure per offrire tutto ad una persona che non sai se potrà apprezzarlo o meno.

      In ogni modo, ti faccio un grandissimo in bocca al lupo. Avrai comunque bisogno di tanta forza e tanta determinazione, qualunque sia la strada che sceglierai.

      Un abbraccio,
      Francesca

  • Rebecca

    Ciao Francesca, ho trovato questo blog per caso, era proprio ciò che cercavo, ho bisogno di un consiglio sto impazzendo. Innanzitutto ho 20 anni, nella mia vita ho avuto solo un ragazzo poco tempo fa ho conosciuto un ragazzo, migliore amico della fidanzata di mio cugino, è stato un colpo di fulmine la sera stessa in cui ci siamo visti alla fine ci siamo baciati con una passione mai provata, per me era tutto nuovo non avevo mai provato una cosa del genere, lui era subito dolcissimo, mi abbracciava mi dava la mano in pubblico mi mandava messaggi, io ero più distante, ero un muro spesso, perché ho avuto paura, ho avuto troppa paura, per il mio primo ragazzo ho sofferto troppo e non volevo si ripetesse, dopo un mese abbiamo avuto un litigio che è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso, si era stancato della mia freddezza, voleva tempo per pensare, è passato un mese così non sentendoci più, il fine settimana però ci vedevamo con gli altri e finiva sempre come se non fosse successo nulla, Stavamo insieme ci abbracciavamo ci proteggevamo, io però mi sentivo confusa volevo capire la situazione gli ho detto di scegliete e mi ha detto che forse era meglio tagliarla, che non era certo di volersi impegnare e non voleva prendermi in giro, che quando lui non ottiene quello che vuole subito perde l’interesse, però gli piaccio e me lo dimostra con il comportamento del fine settimana, infine mi ha detto dunque che per lui non c’è problema a continuare così, cioè che non ci sentiamo spesso, non abbiamo nessun impegno, però se ci va quando ci vediamo non ci risparmiamo il bacio ne l’abbraccio. Io non so che fare, se lasciarmi andare e fare ciò che ho voglia di fare, come baciarlo, oppure se stare sulle mie e non permettergli di trattarmi come “passatempo” se così si può dire. Inoltre mi pento infinitamente di aver rinunciato a tutto per paura, di aver messo questo muro non permettendogli di vedere la vera me, vorrei farmi conoscere, vorrei fargli vedere che c’è altro oltre la persona fredda che lui ha conosciuto, secondo te ho possibilità di riconquistao o l’ho veramente perso per sempre? E se ho una possibilità come dovrei comportarmi? Ti ringrazio in anticipo, questa situazione mi sta realmente lacerando

    • Ciao Rebecca,
      lui probabilmente ha avuto da subito l’idea di “divertirsi”, ma alla vostra età è assolutamente normale. Nessun uomo a 20 anni desidera vivere una storia seria, ma, iniziando una relazione senza impegni, è possibile che vi troviate bene e che tutto vi porti a vivere una relazione a lungo termine.

      Per poterlo riconquistare (e sicuramente ne hai la possibilità perché lui è attratto da te), dovrai accettare di vivere una relazione più “tranquilla” e senza aspettative, dandogli la possibilità di conoscerti per quella che sei e mettendo da parte le tue paure.

      È vero, potresti soffrire ancora, ma non ci sarà mai una relazione in cui non si presenti questa possibilità.

      Ricorda solo che se siete davvero fatti l’uno per l’altra, la relazione andrà avanti, altrimenti, finirà per darti la possibilità di conoscere meglio te stessa, conoscere meglio gli uomini e portarti un passo più vicina a trovare realmente l’uomo più adatto a te.

      Concediti la possibilità di vivere l’amore senza innalzare dei muri. Può essere che lui sia solo un ragazzo di passaggio, ma più esperienza riuscirai ad avere, più le tue relazioni diventeranno importanti e durature 🙂

      Un abbraccio,
      Francesca.

  • Ellison

    Ciao Francesca. Ho seguito tutte le “regole”. Il problema é che quando ho chiesto al mio ex di uscire, lui mi ha detto di sì…quando ha capito che in realtà era solo un incontro a due (quindi senza i nostri amici in comune), ha cambiato idea e mi ha detto di no. Quando siamo con i nostri amici, lui é carino con me, simpatico, scherza, mi guarda negli occhi. Quando invece poi siamo da soli, mi tratta da estranea o non vuole assolutamente uscire da solo con me. Penso che sia un comportamento incoerente… o forse é del tutto normale?

    • Ciao Ellison,
      non è detto che il suo comportamento sia incoerente… tutto dipende da ciò che è successo prima.
      Quanto è durata la vostra relazione? Era una relazione importante (cioè con progetti futuri)? Come si è conclusa e perché? Da quanto si è conclusa?

      Per il momento lui non sembra voler prendere in considerazione un vostro riavvicinamento e forse potrebbe convenire provare a coltivare il rapporto di amicizia (per cui sembra propenso) facendogli notare i tuoi cambiamenti e tentare di instaurare un buon rapporto di fiducia affrontando con molta chiarezza ogni situazione (ad esempio, quando gli proponi un’uscita deve essere chiaro se sia tra amici o di coppia) in modo che lui senta di potersi riavvicinare senza “correre rischi”.

      Forse ha solo bisogno di un po’ più di tempo per essere riconquistato 🙂

  • honey

    Ciao Francesca, anch’io come le altre ragazze sono in una situazione simile. In passato ho avuto storie che mi hanno delusa tantissimo; quando finalmente ero riuscita a dimenticare il passato e pensare a me stessa, conobbi questo uomo di 40 anni (premetto che io ne ho 31). La differenza di età non mi pesava…anzi… A Novembre mi chiese di uscire ed io accettai; anche se a me non è che mi interessasse più di tanto; ma all’apparenza era un bravo ragazzo, così gli diedi una possibilità. Aveva gli occhi dolci e visto che solitamente ero attratta da dongiovanni decisi di accettare; una uscita potevo anche concedergliela. Passai una piacevolissima serata. Da quella sera in poi tutto cambiò in meglio; incominciò a trattarmi da principessa, mi riempiva di attenzioni, si preoccupava per me. Pensai che forse avevo trovato l’uomo per me; quello che non mi avrebbe più fatto soffrire. Parlavamo ogni giorno di tutto; delle nostre passioni, della nostra vita… Quando incominciai a sciogliermi completamente ed innamorarmi di lui, la situazione cambiò. Non sono mai stata una rompiscatole, gli lasciavo tutto lo spazio possibile. Se voleva uscire con i suoi amici poteva farlo benissimo. Tranquillamente. A fine aprile sparì. Nessuna chiamata, sms, niente. Aveva capito che io mi ero innamorata di lui. Dopo qualche giorno decisi di affrontarlo e mi disse che non voleva impegnarsi, perchè era uscito da una storia di 8 anni dove lui aveva sofferto moltissimo. Mi disse solo che voleva ancora vedermi. Gli dissi subito che se lui voleva solo una storia di sesso non avrei accettato perchè non sono quel tipo di persona. Se decido di frequentare una persona è perchè mi interessa, il divertimento non fa parte di me. Purtroppo il rapporto ha incominciato a raffreddarsi; non mi cercava più come prima. Ero passata in secondo piano. Prima gli amici e poi io. la scorsa settimana il declino. Sapeva benissimo che lunedì mi avrebbero licenziato, ma una parola di conforto da lui non arrivò. Mi scrisse il giorno seguente, in maniera amichevole, come fosse andata, gli risposi tranquillamente e poi niente. Sparito di nuovo. Nei mesi in cui ci vedevamo ho capito che più lo cercavo e più lui spariva. Così decisi di non farmi sentire. Martedì sono stata costretto a vederlo. Mi ero fatta male al ginocchio e appena mi ha vista con il tutore, in maniera educata e gentile, come se io e lui non ci fossimo mai frequentati, mi ha chiesto come mi fossi fatta male. Alla sua provocazione ho risposto, sempre gentile, che avevo messo male il ginocchio. Questa risposta non gli è bastata; continuava a riempirmi di domande. A distanza di tre giorni dall’incontro, stamattina mi ha inviato un messaggio, chiedendomi se il ginocchio mi facesse ancora male. Nonostante tutto, sempre che si preoccupi ancora per me. Non so davvero come comportarmi. Le miei amiche dicono di lasciar perdere, ma a me piace davvero, ne sono innamorata. Cosa devo fare? Grazie anticipatamente per l’attenzione. Questa situazione mi sta logorando e purtroppo si incomincia a vedere all’esterno.

    • Ciao Honey,
      la tua situazione è piuttosto complicata ed è difficile prendere una decisione, anche se propenderei per dare ragione alle tue amiche.
      L’interesse che lui prova nei tuoi confronti è abbastanza forte e la vostra frequentazione potrebbe anche portare ad una relazione duratura, ma è presente una grande incognita: lui lo vorrà?

      E` normale che dopo una relazione finita male lui non abbia voglia di impegnarsi (anche se credo dovesse essere più sincero con te e dirtelo fin dall’inizio), ma se ora le sue priorità sono le uscite con gli amici, io lo lascerei a quelle… senza contare il fatto che quando ha capito quanto fossi innamorata di lui, piuttosto che affrontare direttamente la situazione, abbia preferito sparire. Questo fatto a 40 anni non è dovuto ad un errore o all’inesperienza, è un modo di fare che forse ha sempre avuto. Potrebbe anche essere una delle motivazioni che hanno portato alla rottura della sua relazione precedente.

      Ricorda di pensare prima di tutto a te stessa e a cosa desideri dalla tua vita: vuoi sposarti? vuoi avere dei figli? vuoi al tuo fianco un uomo su cui poter contare sempre?

      Lui ti darebbe ciò che stai cercando?

      Il sentimento che provi per lui è indubbiamente molto intenso. Per stare bene, devi provare lo stesso sentimento anche verso te stessa e scegliere in base a ciò che potrà farti esser più felice.

      Un abbraccio,
      Francesca

      • honey

        Grazie per la tua risposta. In questo momento sto pensando veramente a me stessa. Incomincio veramente a volermi bene. Sto avendo le mie soddisfazioni; ma l’unica cosa che mi manca è lui. Non sono una persona che si arrende facilmente.
        Lui mi ha sempre dato dei consigli. Naturalmente stava a me decidere se seguirli o meno. Comunque i primi tempi era sempre presente; mi piacerebbe che tornassero. Ero davvero felice. Sprizzavo gioia e anche le persone lo vedevano. Come posso comportarmi? Lui vorrebbe che restassimo amici. Voglio davvero riconquistarlo, perchè credo che lui non si sia veramente reso conto della persona che sono.
        Grazie

        • Ciao Honey,
          per riconquistarlo l’ideale sarebbe passare prima attraverso lo step amicizia. Questo ti darebbe modo di frequentarlo spesso e mostrargli quindi che persona sei.

          Ti consiglio però un piccolo accorgimento: segnati una data “limite”, superata la quale, se ancora lui non ha mostrato un reale interesse nell’iniziare una relazione duratura con te, sarà necessario lasciarlo alla sua vita.

          Un abbraccio,
          Francesca

          • honey

            Grazie di cuore per il tuo consiglio. Intanto sto prendendo tempo perchè per adesso non sono pronta ad incontrarlo. dopo una rottura è facile cadere nell’errore di voler a tutti i costi ritornare con l’ex; mostrandosi per quello che non si è. quando sarò in grado di essere in pace e di accettare la rottura, proverò nuovamente a contattarlo per ristabilire l’amicizia. Sempre che lui lo voglia. da quel momento in poi proverò a riconquistarlo piano piano; almeno avrò tentato. non voglio avere rimpianti in futuro. se poi non vorrà e nel frattempo avrò incontrato un’altra persona che mi farà battere il cuore affari suoi.
            Ti ringrazio di nuovo.
            un abbraccio

          • Di nulla Honey, alla prossima 🙂

          • honey

            penso proprio che sia l’unica strada da percorrere; ristabilire l’amicizia. Tra l’altro ieri l’ho visto, ci siamo salutati con un ciao e basta. Non riesce neanche a guardarmi negli occhi. Ha fatto tutto lui. Ieri ero vestita benissimo: tacchi alti shorts; come se avessi un appuntamento dopo. Ero veramente sicura di me. L’opposto di quando mi frequentavo con lui. Dovevo sempre avere conferme. Da adesso si cambia. Devo ritornare la ragazza che ha conosciuto; quella sicura di sè. Scusa se ti rompo ma ho bisogno si consigli in questo momento. Secondo te è la strada giusta da percorrere?
            grazie mille

          • Ciao Honey, tranquilla, mi fa piacere sentirti 🙂

            Comunque non avere dubbi: è certamente la strada giusta per riconquistarlo, ma anche e soprattutto per tornare a star bene con te stessa. E` il modo migliore per trovare la felicità e non solo in amore 😉

  • Elisa

    Buonasera! Il mio nome è Elisa ed è da quasi un mese che il ragazzo che frequentavo ha voluto chiudere il nostro rapporto. Ci siamo frequentati per un anno, senza ufficializzare nulla, perché io ho 17 anni, 18 a dicembre e lui è molto più grande di me. Avevamo deciso di aspettare i miei 18 anni per il fatto della legge. Ci vedevamo molto poco a causa del suo lavoro e della lontananza.. non abitiamo nella stessa città! Ultimamente ha voluto allontanarsi e chiudere, perché dice che non è il momento, e forse ha ragione.. negli ultimi mesi si è allontanato non rispondendomi spesso ai messaggi e a scrivendomi molto poco, non si è comportato molto bene.. anche se quando ci siamo visti l’ultima volta è stato, come sempre, dolce, gentile, dimostrandomi il suo interesse. Avevo cominciato ad “assillarlo”, gli scrivevo tutti i giorni perché non era mai chiaro e non sapeva cosa fare.. ho notato che, facendo così, si allontanava sempre di più.. e alla fine ha deciso di voler chiudere.. lasciandomi una porta aperta, una speranza! Ha sempre detto di aver deciso di chiudere PER ORA.. dicendo, appunto come ho scritto prima, che forse non è il momento adatto.. inoltre ha voluto chiudere anche per il lavoro che non gli permetteva di vederci, anche per la lontananza! E anche perché ultimamente litigavamo spesso per il fatto che ci vedevamo poco. Ma ha detto che tra qualche mese tutto sarà più comodo.. anche per il fatto dei 18 anni. Tengo a precisare che lui, sin dall’inizio, ha sempre avuto paura per la nostra relazione.. proprio perché sono minorenne. L’ultima volta che ci siamo sentiti, ho provato nuovamente a chiedergli di rivederci.. lui ha risposto che preferisce per adesso rimanere più distanti.. che vederci adesso avrebbe portato a troppo avvicinamento che non possiamo permetterci. Quando ci vediamo è sempre tutto magnifico! E’ molto carino e mostra di essere interessato. Quando ci siamo visti l’ultima volta, io ero intenzionata a parlare con lui di persona di questo, di chiarire, di decidere se chiudere o no, e lui lo sapeva, perché glie l’avevo detto prima di vederci tramite whatsapp.. ma quando ci siamo visti, lui non è entrato proprio nel discorso di voler chiudere, e di volersi allontanare! La stupida sono stata anche io, perché in quelle ore passate insieme, mi sono lasciata andare, senza chiedergli nulla, siamo stati tranquilli insieme.. ma i giorni successivi, come al solito rispondeva poco ai messaggi, e non si faceva sentire.. e alla fine ha voluto chiudere. Allora io gli ho chiesto perché non hai voluto chiudere di persona? quella volta che siamo usciti? E lui risponde che non riesce a chiudere di persona.. ha un trasporto verso di me.. e preferisce chiudere per telefono. Alla fine io gli ho detto esplicitamente che non lo ricercherò più, e lui ha risposto che non vorrebbe questo! Gli ho anche detto che sceglierà lui se ricercarmi o meno, sempre se vorrò ancora, e lui ha risposto che sottostarà al mio volere! Ora è quasi un mese che non ci sentiamo.. io ci soffro! Lui non so.. non so quello che fa e nient’altro. Non so cosa fare, mi sono promessa di non cercarlo più, finchè un giorno, se vorrà, lo farà lui.. secondo te cosa posso fare? potrà esserci seriamente una speranza che torni da me, magari fra qualche mese? Inoltre sabato prossimo lo vedrò.. andrò a un concerto.. e so che verrà anche lui.. lui non sa che vengo.. non so se ci parlerò.. non so neanche se mi saluterà! io spero di si! Se dovessi parlarci, come devo comportarmi? Devo riuscire a non mostrare arrabbiatura nei suoi confronti? Perché sono anche un po’ arrabbiata.. Grazie.

    • Ciao Elisa,
      per poterti dare un aiuto più preciso dovrei sapere alcune cose

      – Quanti anni ha in più di te?
      – Avete già avuto rapporti sessuali (immagino di si, ma non è scontato)?
      – Con che frequenza vi vedevate?
      – Sei certa che lui in questo momento non stia sentendo o frequentando nessun’altra?

      A presto,
      Francesca.

      • Elisa

        Ciao, allora.. Io ho 17 anni, lui 31. Non abbiamo mai avuto rapporti COMPLETI, perché lui voleva aspettare i 18 anni.. e aveva paura! Ci vedevamo molto poco per il fatto della lontananza e per il fatto che aveva molto da fare. Non sono certa che si frequenti con qualcun’altra.. non posso saperlo purtroppo..

      • Elisa

        Ciao, allora.. Io ho 17 anni, lui 31. So che è molto più grande di me.. ma ci siamo sempre trovati bene già dalla prima volta che ci siamo sentiti e visti.. Non abbiamo mai avuto rapporti completi, perché lui voleva aspettare i 18 anni.. e aveva paura della legge, cosa che ha tutt’ora! Da questo punto di vista non ha mai voluto forzarmi, è stato sempre abbastanza rispettoso. Ci vedevamo molto poco per il fatto della lontananza e per il fatto che aveva molto da fare. Non sono certa che si frequenti con qualcun’altra.. non posso saperlo purtroppo..

        Tra l’altro, ieri sera ci siamo visti al concerto come ho scritto nel messaggio precedente, e non ci siamo salutati, ci sono stati solo giochi di sguardi ogni tanto. Quando sono tornata a casa, ho ritrovato su whatsapp un suo messaggio dopo più di un mese che non ci sentivamo e che non mi scriveva dicendo : “Eli… potevi salutarmi..”. Come mai questo messaggio? Forse si aspettava che lo andassi a salutare? E ci sia rimasto male?

      • Elisa

        Ciao Francesca, allora.. Io ho 17 anni, lui 31. So che è molto più grande di me.. ma ci siamo sempre trovati bene già dalla prima volta che ci siamo sentiti e visti.. Non abbiamo mai avuto rapporti completi, perché lui voleva aspettare i miei 18 anni e anche io.. aveva paura della legge, cosa che ha tutt’ora! E’ una cosa che mi ha sempre detto per tutto il tempo che ci siamo frequentati, quindi per un’anno! E in questo anno più di una volta mi ha detto che il fatto dell’età lo blocca (non solo per i rapporti intimi ma anche se eventualmente un giorno ci dovessimo fidanzare), lui pensa che possa essere tutto troppo difficile da gestire, per la lontananza, per la differenza di età, per il poco tempo che ha lui, che da una parte, posso anche dargli ragione.. Da questo punto di vista non ha mai voluto particolarmente forzarmi (del fatto di avere rapporti intimi), è stato sempre abbastanza rispettoso. Ci vedevamo molto poco per il fatto della lontananza e per il fatto che aveva molto da fare, come ho scritto prima. Non sono certa che non si frequenti con nessun’altra.. purtroppo non posso saperlo.

        Tra l’altro, ieri sera ci siamo visti al concerto come ho scritto nel messaggio precedente, e non ci siamo salutati, ci sono stati solo giochi di sguardi ogni tanto. Quando sono tornata a casa, ho ritrovato su whatsapp un suo messaggio dopo più di un mese che non ci sentivamo e che non mi scriveva dicendo : “Eli… potevi salutarmi..”. Come mai questo messaggio? Forse si aspettava che lo andassi a salutare? E ci sia rimasto male?

      • Elisa

        Ciao Francesca, allora.. Io ho 17 anni, lui 31. So che è molto più grande di me.. ma ci siamo sempre trovati bene già dalla prima volta che ci siamo sentiti e visti.. Non abbiamo mai avuto rapporti completi, perché lui voleva aspettare i miei 18 anni e anche io.. aveva paura della legge, cosa che ha tutt’ora! E’ una cosa che mi ha sempre detto per tutto il tempo che ci siamo frequentati, quindi per un’anno! E in questo anno più di una volta mi ha detto che il fatto dell’età lo blocca (non solo per i rapporti intimi ma anche se eventualmente un giorno ci dovessimo fidanzare), lui pensa che possa essere tutto troppo difficile da gestire, per la lontananza, per la differenza di età, per il poco tempo che ha lui, che da una parte, posso anche dargli ragione.. Da questo punto di vista non ha mai voluto particolarmente forzarmi (del fatto di avere rapporti intimi), è stato sempre abbastanza rispettoso. Ci vedevamo molto poco per il fatto della lontananza e per il fatto che aveva molto da fare, come ho scritto prima. Non sono certa che non si frequenti con nessun’altra.. purtroppo non posso saperlo.

        Tra l’altro, ieri sera ci siamo visti al concerto come ho scritto nel messaggio precedente, e non ci siamo salutati, ci sono stati solo giochi di sguardi ogni tanto. Quando sono tornata a casa, ho ritrovato su whatsapp un suo messaggio dopo più di un mese che non ci sentivamo e che non mi scriveva dicendo : “Eli… potevi salutarmi..”. Come mai questo messaggio? Forse si aspettava che lo andassi a salutare? E ci sia rimasto male?

        Vorrei tanto riconquistarlo.. ma la nostra frequentazione si è conclusa ormai un mese fa.. non so come fare, non so se ci riuscirò.. a volte vorrei provare a chiedergli nuovamente di rivederci, anche se forse so già come potrebbe rispondermi.. che per adesso preferisce così, ma ovviamente non posso esserne sicura al 100%, però potrei immaginarlo. Ma la maggior parte delle volte penso che deve essere lui a ricercarmi, e a dirmi di rivederci perché è stato lui a voler chiudere e non io..

        • Ciao Elisa,
          da quello che hai scritto, dubito che lui tenterà un riavvicinamento prima dei tuoi 18 anni e forse la cosa migliore sarebbe proprio aspettare e valutare attentamente la situazione.

          Per far funzionare bene una relazione infatti, non sono necessari solo i rapporti sessuali (che per ora non potete avere), ma anche una certa disponibilità nel vedersi e la possibilità quindi di far sbocciare la relazione. Anche se è passato un anno infatti, la vostra frequentazione non ha potuto svilupparsi per questi motivi e sarà difficile averne la possibilità concreta almeno fino a quando non sarai uscita da scuola.

          Il problema dell’età è molto pressante purtroppo, perché 14 anni di differenza sono tanti e lo sono ancora di più nella vostra situazione… la vostra vita infatti segue due ritmi molto diversi in questo momento.

          Perciò ti farò una domanda classica: Sei certa di voler “bruciare le tappe?”
          Sembra uno dei classici avvertimenti della nonna, ma non prenderlo troppo alla leggera 🙂

          Iniziare davvero una relazione con un uomo molto più grande comporta inevitabilmente il perdersi tante piccole cose della vita che potresti rimpiangere più avanti.

          Per riconquistarlo infatti, non solo dovresti aspettare di essere maggiorenne, ma dovresti anche iniziare a comportarti, vestirti e pensare come una 30enne. Questo gli farebbe superare l’ostacolo dell’età e molte delle difficoltà che pensa di dover vivere con te in un ipotetico futuro, ma ti farebbe “invecchiare” molto velocemente e quando arriverai davvero a 30 anni, tutto ciò a cui avrai rinunciato sarà impossibile da recuperare (soprattutto perché lui in quel momento di anni ne avrà 44).

          E` una questione di scelte. Sicuramente gli piaci ancora e quindi hai la possibilità di riconquistarlo… ma sei disposta a pagare un prezzo così alto?

          • Elisa

            Sai, io ho 17 anni, però ne dimostro molti di più. Sia fisicamente e sia caratterialmente, me lo dicono tutti, lui compreso. Il fatto di bruciare le tappe, forse hai ragione.. ma io ho sempre puntato ragazzi/uomini più grandi di me, proprio perché sono più maturi e mi trovo meglio! I ragazzi della mia età non mi coinvolgono molto perché non riesco a vederli più grandi mentalmente.. e il loro modo di pensare è troppo immaturo. Fino adesso, ho incontrato ragazzi della mia età veramente stupidi e che pensano solo ad una cosa.. non riuscirei ad avere un rapporto serio con loro e neanche mi fiderei e tante altre cose.. All’inizio non credevo che mi potesse piacere un uomo di 30 anni, ma poi è successo.. Poi io con lui mi trovo molto bene, anche quando stavamo insieme, anche perché lui ha 31 anni, però caratterialmente è molto scherzoso, socievole, dolce etc.. mi fa sentire a mio agio quando sto con lui. Quindi tu cosa mi consiglieresti di fare.. di aspettare e vedere se mi ricercherà lui per riprendere la nostra frequentazione?

            E tu cosa pensi sul fatto del messaggio che mi ha mandato 2 giorni fa.. quello che ho scritto nell’altro messaggio.. forse si aspettava che lo salutassi?

          • Ciao Elisa,
            immaginavo e lo capisco molto bene perché pensavo esattamente la stessa cosa alla tua età, quindi credimi, non ti avrei mai consigliato di provare a frequentare un tuo coetaneo… solo uno con non più di 4 anni più.
            Ma il mio è solo un consiglio e questa è ovviamente una decisione che spetta a te 😉

            Se comunque hai già valutato tutto e pensi che questa sia la strada migliore per te, procedi pure. Io se fossi nella tua situazione non aspetterei che sia lui a farsi sentire, ma insisterei per mantenere una semplice amicizia (anche solo tramite telefonate e messaggi) almeno fino ai tuoi 18 anni. Questo per poterlo continuare a sentire e per evitare di diventare degli “estranei”.

            Successivamente, valuterei con lui se ritornare a frequentarvi oppure no affrontando tutte le difficoltà del caso che possono riguardare i rapporti sessuali, un possibile fidanzamento e il come rimediare alla distanza.

            P.S. Per quanto riguarda il messaggio, non posso darti informazioni perché non lo conosco e non ho modo di valutare cosa possa significare una reazione simile da parte sua.

          • Elisa

            Quindi tu mi consigli di scrivergli chiedendogli di rimanere amici?

          • Se lo vorrete entrambi, certamente. Molte relazioni durature partono da una bella amicizia 🙂

          • Elisa

            Grazie mille per tutti i tuoi consigli 🙂

  • lara

    Ciao Francesca
    mi chiamo lara. Ti scrivo perché sono stata lasciata da un uomo con cui avevo da un anno una storia a distanza. Ci siamo prima frequentatio come amici per circa un anno, quindi ci conosciamo da due. Non abbiamo mai litigato e le cose andavano abbastanza bene, fino a quando a giugno mi disse che era un po’ stanco di prgrammare weekend assieme in anticipo, perché si era accorto di aver tinunciato troppo alle serate con amici per vedere me . Aveva anche avanzato dubbi sul fatto di essere “innamorato”. Io l’ho lasciato libero e il rapporto si era apparentemente ripreso. Infatti ad agosto ha organizzato una settimana di vacanza assieme per il suo compleanno. Peccato però che al termine della settimana mi ha confidato di aver prenotato di nascosto un viaggio avventure (con 14 sconosciuti) e che sarebbe partito di lì a poco. io mi sono arrabbiata, tantissimo (e ho sbagliato). L’ho minacciato di caricarlo. lui è partito e non si è fatto sentire per 15 gg spegnendo il cellulare. Io ho cercato di controllare sui social cosa stesse facendo e ho fatto l’errore di sentire su facebook una sua compagna di viaggio per capure quando rientravano. Al suo ritorno, nonostante le mie scuse (che dice di aver accettato) si è rifiutato di rivedermi e di parlare di quanto successo di persona. Ci siamo sentiti due tre volte al telefono e su whazzap e a fine settembre mi ha detto che per lui è meglio “se non ci vediamo per un po’” (in realtà seignifica non vediamoci più). Nega di avere maturato altri inetrssi femminili e ha addirittura detto che non vuole che io mi ritenga responsabile (anche se la mia arrabbiatura lo ha “turbato). La sua motivazione “zen” è che si sente di andare avanti. Ora io non l’ho cercato per un mese sperando ci ripensasse ma non si fa più vivo. E francamente mi sento ancora in colpa perché, forse, se non avessi reagito così male, sarebbe ancora con me.

    • Ciao Lara,
      avete entrambi fatto degli errori, quindi non concentrarti solo sui tuoi addossandoti tutta la colpa per la fine della relazione. E` stato infatti lui il primo ad allontanarsi da te.

      Per poter comunque capire meglio la vostra situazione e magari poterti dare qualche consiglio per provare a farlo riavvicinare a te e riconquistarlo, avrei bisogno di qualche particolare in più:
      – Quanti anni avete?
      – Avete entrambi un lavoro?
      – Qual è la distanza che vi separa?
      – Avete mai fatto progetti per trasformare la vostra relazione e andare a vivere assieme?

      A presto.
      Francesca.

  • lau

    ciao, mi chiamo laura e ho 24 anni. Da 6 anni ho una relazione seria e stabile con un ragazzo, ma dadue siamo a distanza. Fino ad ora ho studiato, ed anche lui ma ci troviamo a due punti del percorso universitario diversi, infatti a lui mancano ancora due anni ed io mi accingo a finire. Siamo molto diversi, ma ci troviamo bene: abbiamo un ottimofeeling in tutti i campi! Solo che io sono una che amam muoversi e divertirsi, lui invece è più pigro e tende spesso adessere giù di morale. La distanza ha influito molto sulla nostra storia, da vicino abbiamo sempre comunicato benissimo, ma da quandonon vivo più nella mia città natale e faccio la vita da fuorisede mentre lui è ancoraattaccato ai libri e spesso non riesce a seguire i miei discorsi, si è alzato uun muro, e ci siamo allontanati. In più voglio seguire il mio lavoro che per sua indole sarà pieno di spostamenti: così potrò realizzare il mio sogno di vedere tanti posti e conoscere persone diversissime tra loro, traendone ispirazione.
    Gli ho detto spesso che queste avventure vorrei viverle con lui, ma lui non puòvuole, per motivi economici, di studio, e di pigrizia! E da un po’ di tempo qui nel posto dove vivo si è trasferito un mio caro amico di vecchia data che vedevo nella nostra città natale solo quando per caso entrambi ci trovavamo in contemporanea lì; per lui da piccina avevo una cotta bestiale! Confidandomi, ormai senza malizia, gli ho detto che avevo voglia di nuove esperienze, di provare ad andare a letto con qualcun altro, di riprovare il brivido dell’avventura(ero stata a letto solo col mio ragazzo) ed ha cominciato a provarci con me, facendomi discorsi sul fatto che i rapporti non devono per forza avere una definizione e dicendo che se avessi voluto avrei potuto provare con lui. Ho capito che forse non siamo mai stati propriamente amici, ed effettivamente non si può categorizzare il nostro rapporto. Comunque, scherzando scherzando abbiamo cominciato a flirtare, ed alla prima occasione da soli dopo un po’ di tentennamenti lui mi ha baciata ed ho provato forti emozioni. Sapevo benissimo che non avrebbe significato nulla di serio tra noi perchè essendo una persona che spesso si confida con me, so bene quello che cerca. Inoltre qui ho una carissima amica e collega, che mi ha sempre accolto a braccia aperte, alla quale più di un anno fa ho presentato il mio amico; tra loro c’è stata una breve ma intensa storia che per lui era di sesso, mentre lei provava qualcosa.
    Quindi arrivati a questo bacio appassionato io ho cacciato il mio amico di casa dicendogli che mi sentivo scorretta con la mia amica ed il mio ragazzo. Da allora però lui ha continuato a provocarmi ed io ho risposto a tono alle sue battute; e dopo due settimane, di nuovo soli, lo abbiamo fatto. è stato stranissimo, fisicamente piacevole ma con zero coinvolgimento emotivo, almeno da parte mia. Lui che fino a quel momento aveva fatto lo spavaldo invece aveva un atteggiamento tenero che non mi sarei aspettata! Comunque c’è stato qualcosa di molto freddo, enon c’era paragone col mio ragazzo. Abbiamocontinuato a sentirci da amici per forse una settimana, poi l’ho invitato a vederci di nuovo per rifarlo, e lui mi ha detto che preferiva finirla lì perchè nonostante si fosse trovato a suo agio (era stato solo un po’ strano, aveva detto, ma questo lo pensavo anche io dato che ci siamo visti crescere e forse avevamo aspettative) non si sentiva preso. Io che non avevo intenzioni di tipo romantico nei suoi confronti gli ho risposto che pensavo che non fosse un requisito, e che cmq capivo e ci saremmo sentiti più in là da amici, quando avesse voluto.
    Gli ho anche detto di riguardare quello che cerca, perchè da un’amicizia decennale si poteva facilemnte aspettare non ci fosse trasporto. Però a quel punto mi sono trovata sola coi miei sensi di colpa. Amo il mio ragazzo, ma non so se sia ancora giusto stare con lui per vivere una relazione a distanza, che quindi non assaporo a pieno e che mi fa sentire delle mancanze fisiche. Inoltre lui è dolcissimo, però vuole cose estremamente diverse dame eho come l’impressioneche per restare insieme felicemente uno dei due dovrà rinunciare a qualcos’altro della sua vita; e io voglio che lui faccia tutte le sue scelte per se stesso e voglio lo stesso per me! Se solo potessi avere la vita che voglio ma con lui sarebbe perfetto! Ha senso intanto rovinarsi l’anima ed una storia bellissima per una distanza per ora anche piccola che potrebbe aumentare soltanto viste le dinamiche? Poi con il mio amico sono rimasta un po’ male, ma infondo è la persona di cui mi importa di meno in questa situazione. Solo non capisco cosa non gli sia andato a genio, visto che la situazione la conosceva bene e diceva di essere tranquillo sul fatto che io avessi un ragazzo e fossi amica della sue ”ex”.
    A tratti mi sono sentita un po’ usata da lui, solo per togliersi lo sfizio; a tratti mi sono sentita in colpa, per non essere stata romantica e coccolona come lui; a tratti mi è dispiaciuto allontanarci. A periodi alterni questa persona torna nella mia vita, prende e sconvolge e come se nulla fosse si allontana; sotto un certo punto di vista vorrei una rivincita!
    E l’ultima persona per cui mi dispiace è la mia amica, la più importante. Non so se debba sapere o no questa cosa che è successa: abbiamo dei progetti di vita insieme e non vorrei lo sapesse da lui o da chi per lui! Solo che ci tengo tanto a lei ed ho paura di perderla. Forse tra me e lui c’erano delle cosein sospeso da 10 anni, mami dispiace aver tradito la mia amica.
    Accetto consigli, sono confusissima!
    Ti leggo con piacere,
    Grazie, Laura

  • iris72

    Ciao Francesca,
    ho 44 anni, a novembre scorso comincio a chattare con un ragazzo 2 anni più piccolo che mi aveva scritto sporadicamente sulla stessa chat nel corso degli anni precedenti. Lui mi dice che sta bene nella storia che sta vivendo, nulla di troppo oppressivo. Come già in passato, si è scelto una con figli (stavolta sono 2 bambini sotto i 10 anni). Ciononostante, continuiamo a scriverci assiduamente. Lui si definisce ‘ultraimpegnato’ ma in ogni caso vuole incontrarmi fortemente. Abitiamo in città molto lontane fra loro sicchè, appena ho la possibilità di accorciare le distanze, ci incontriamo a metà strada (io son lì per lavoro, lui mi raggiunge il tardo pomeriggio). A me scatta subito tt quello che deve scattare, ho un ricordo stupendo sia del primo che del secondo incontro. Succede tutto da subito (lo specifico perché, ora come ora, suppongo sia quello uno degli errori che ho commesso). Lui è bellissimo ma sembra nn rendersene conto, è il tipo che da ragazzo ha avuto crisi di panico, non ha amici, è molto introverso e non si è capito se lavori e che lavoro faccia (sostanzialmente ho l’impressione che lavori un po’ a tempo perso, non sfruttando la laurea che si è preso..). Al mattino va via e dopo qualche ora mi cerca a più riprese via whatsup (le telefonate fra di noi si contano sulle dita delle mani in quanto entrambi non amiamo parlare x tel). mentre io sono più distante, non mi faccio capace di quello che è successo, ho la testa fra le nuvole, mi sembra letteralmente di aver sognato… Ci rivediamo a distanza di una decina di giorni in un’altra città d’Italia, chiedo a lui di prenotare la stanza e anche stavolta è tt stupendo. Tra l’altro è il giorno del suo primo anniversario con la tipa con cui sta….e lui sceglie quindi di passarlo con me… Tutto ciò accade ad inizio dicembre. Per una serie di motivi gli avevo detto che prima di gennaio sarebbe stato difficile rivederci ma non è che lui abbia mai battuto ciglio in merito. Quindi il ns ‘rapporto’ va avanti con messaggi su whatsup fra il lun pomer e il ven mattina (dal ven al lun è a casa della tipa coi bambini – peraltro lui sembra molto preso proprio dai bambini più che da lei – e quindi i messaggi fra noi sulla chat sono pochi e fugaci)..io non sono il tipo che stressa la vita e lui sostanzialmente segue molto me, nel senso che se lo cerco mi risponde ma non mi scrive per niente spesso… Però mi dà conferme, mi dice che quello che provo io lo prova lui, dopo che ha praticamente fatto sì da farsi dire cose pazzesche da parte mia che mai ho detto a un uomo in vita mia (le provavo, mi sembrava di averlo ‘riconosciuto’ quando l’ho incontrato, ci sono state delle cose molto particolari per me nel ns incontro e nella nostra conoscenza, e poi, essendo così chiuso ed oltretutto impegnato, pensavo di dovergli dare delle ‘conferme’ per fargli fare il ‘gran passo’..), mi dice anche una volta che sta con loro ma vorrebbe stare con me ecc… Io passo tutte le sante vacanze di natale chiusa in casa, col pensiero al ns prossimo incontro la seconda settimana di gennaio (lui dovrebbe venire a casa mia per ben 3 giorni!non ti dico che organizzazione dato che vivo con mia madre, per farla sloggiare in quei giorni..) e, indovina un po’, la mattina del giorno in cui dovrebbe venire mi scrive che è sorto un problema, spera di risolverlo, è al pronto soccorso con la tipa e non sa… passano le ore e ancora non si sa niente, finchè poi mi scrive che questa ha qsa di grave e che non viene. La sera alle 23 mi arriva un altro messaggio in cui dice che non sa se ci sentiremo più.. A quel punto scoppio e gliene canto 4 (via whatsup si intende, neanche fa la mossa di chiamarmi né allora né i giorni successivi), nel senso che gli dico che se un uomo vuole una donna se la prende, che si è fatto mettere spalle al muro dagli eventi come desiderava (è il suo modo di operare delle scelte, mi ha detto, aspettare che gli eventi decidano per lui..), che si è fatto incastrare da una che ha usato i propri figli per legare a sè un uomo (eh sì, perchè l’ho beccato giusto io l’unico uomo sulla faccia della terra che va cercandosi le famiglie prefabbricate perché gli danno questa sensazione di calore e familiarità), e che quindi quello che è successo fra noi non ha significato niente che valga la pena di ricordare.. Mi risponde laconicamente che lui aveva i biglietti per venire da me, che ricorderà anche per me. Fine. Premetto che il fatto del pronto soccorso è vero, l’ho appurato per vie traverse. Dopo 2 settimane mi rifaccio viva scrivendogli come sta lui e il padre, mi risponde che stanno entrambi bene, la tipa ha qsa ai polmoni, mi chiede di me e io rispondo facendo la tipa sciolta ed impegnata. Mi risponde che faccio bene e che quindi stiamo entrambi bene essendo ‘sopravvissuti entrambi a noi stessi’. Io non ho più risposto. Perchè forse salirò dalle parti di dove abita e gli chiederò di vederci per un caffè, facendo la tipa che si è buttata tutto alle spalle (farei bene…??). Però, ripeto, gli avevo dato molte conferme durante. Ora io non so se lui, sentendosi in colpa, anche per questa cosa della malattia di lei che è sorta (pazzesco, proprio il giorno in cui doveva venir giù!), abbia voluto dire a se stesso che con me è chiusa, ma mi chiedo come sia possibile che abbia dimenticato il modo in cui siamo stati insieme, se posso ancora recuperare qsa, come diamine possa uno non sposato e che non è il padre di quei bambini sentirsi così invischiato in una storia che tutto sommato dura da solo 1 anno, e se abbia mai provato qsa di autentico per me.. Che dici Francesca, ho qualche possibilità o mi faccio solo del male se riesco a rivederlo..? considera che ho cercato veramente di farmelo uscire dalla testa dopo che mi ha dato buca all’ultima limitandosi solo a dirmi via whatsup che gli dispiaceva moltissimo, senza telefonarmi senza più scrivermi senza farmi controproposte sul vederci….ma non ci sono riuscita e sono abbastanza stremata da questa storia. Però ecco, io quel terzo incontro in cui avremmo potuto stare insieme più giorni lo vedevo qsa di risolutivo, pensavo davvero che lui l’avrebbe lasciata per me, e mi è rimasto un fortissimo senso di incompiuto.. Grazie…

  • Chiara

    Buona sera…
    Volevo chiedere un parere…
    Io frequento da circa 8 mesi un ragazzo con cui c è molto feeling (infatti lui mi ha sempre detto che gli piaceva tutto di me, data la mia poca autostima) ma ultimamente si è molto staccato da me a causa del fatto che, vivendo non proprio vicini, è da tanto che non vado a trovarlo e lui lavora tutto il giorno e sono diventata insistente nei msg…infatti mi ripete ogni volta che sono troppo pressante nei msg (ammetto che lo sono diventata quando ho saputo sin dall’ inizio che prima di me si vedeva con un’altra e la vede tutt’ ora, ma che comunque ci teneva a conoscere me e a vedermi e sentiva di più e si mostrava geloso nei miei confronti) e che vuole che vada da lui, Mi chiede sempre quando vado da lui…secondo lei come posso fare per riconquistarlo?
    Grazie infinite
    Chiara