Se Lui Divorzia per Te, Sarete Finalmente Felici?

Non sempre le relazioni clandestine con uomini sposati rimangono tali. Alcune volte otteniamo ciò che abbiamo desiderato così a lungo, per poi scoprire…

Venor - Seduzione Sesso Amore
Finalmente ha divorziato. In arrivo la felicità? - Venor
Di fronte ad ogni desiderio bisogna porsi questa domanda: che cosa accadrà se il mio desiderio sarà esaudito?
Epicuro sulla felicità

Se siamo innamorate di un uomo sposato, ci troviamo spesso a fantasticare su come sarebbe ricca di felicità e priva di problemi una relazione alla luce del sole.

Osserviamo le altre coppie felici e cominciamo a pensare:

E se il mio uomo sposato lasciasse sua moglie e cominciasse davvero una storia con me?
Una storia alla luce del sole, una storia d’amore vera… Come sarebbe?
Sarebbe di sicuro bellissimo.
Sicuramente tutto sarebbe più semplice.
Potremmo amarci come non mai, potremmo fare tutto ciò che fino ad ora ci è stato impossibile. Le vacanze assieme, i Natali assieme… Tutto sarebbe pieno di gioia e felicità.

Alle volte capita che i nostri desideri diventino realtà. Il nostro uomo lascia la donna con cui era sposato da anni e si presenta sotto casa nostra. E` il momento che abbiamo tanto atteso. E` ora di prenderci la nostra fetta di felicità!

Ma… se avessimo espresso il desiderio sbagliato?

La storia di Ami

Carissima Ami,
mi ha fatto moltissimo piacere ricevere questa tua mail. Trovo che nelle tue parole si possano trovare diversi spunti di riflessione per capire la natura dei nostri uomini e, più in generale, quella umana. Vediamoli in dettaglio.

Ha lasciato la moglie! Un successo inaspettato.

Non sono molte le donne che possono vantare questo traguardo. Di rado infatti un uomo sposato che da anni vive una relazione extraconiugale decide di fare il salto nel buio.

Qualcosa nel tuo comportamento lo ha spinto a passare da anni di parole all’azione repentina. La risposta è solo in apparenza semplice:

Forte amore o ego infranto?

Ti aveva persa.

Ma insieme a te aveva perso qualcosa a cui era molto affezionato. Aveva perso lo status quo che si era venuto a creare. Aveva perso la sensazione di essere “al centro del mondo”. Fino a prima aveva un matrimonio ed una donna che (pensava) sarebbe per sempre rimasta innamorata di lui e che per sempre avrebbe accettato la condizione non troppo piacevole di amante.

Questo amiche è il problema più serio che si viene a creare quando iniziamo una relazione con un uomo sposato: stiamo inavvertitamente gonfiando il suo ego.

La perdita di un perfetto status quo

E così hai mandato in pezzi il suo ego. Hai fatto scoppiare la bolla di sapone su cui stava aleggiando soave facendolo sbattere contro un duro pavimento fatto di normalità. La normalità della sua relazione coniugale.

Ti pensava votata a lui e invece ha dovuto fronteggiare la realtà di non essere così incredibilmente speciale. Ha dovuto fronteggiare il fatto che un altro uomo avesse potuto spodestarlo dai tuoi pensieri.

A questo punto si è sentito vuoto, insicuro. E` diventato impulsivo. Doveva riavere assolutamente il tuo amore, solo quello avrebbe potuto dimostrare senza ombra di dubbio che era davvero speciale. In quattro e quattr’otto ha lasciato la moglie, ormai priva di qualunque attrattiva per lui, e si è precipitato da te.

L’amore riconquistato e… la scoperta del vuoto.

Infine è riuscito a ottenere nuovamente il tuo amore. Ha ritrovato il suo gioco e ha avuto la conferma di essere ancora l’uomo di valore che era.

A questo punto però, esaurita la concentrazione sul suo obiettivo di riconquista, ha dovuto fare i conti con quanto gli era rimasto. Un divorzio in corso (con strascichi che potrebbero protrarsi per anni), una vita da ricostruire e tu, la donna che ha dato origine a tutte le sue tribolazioni mettendo in discussione il suo orgoglio “tradendolo” e facendogli perdere la sensazione di essere “speciale”.

E` facile ora capire cosa abbia pensato. Fra il prendersi la responsabilità delle sue scelte e lo scaricare su di te questo fardello ha scelto la via più semplice.

Ti ha torturato per un po’ per vendicarsi e poi se ne è andato via, sperando che la lontananza da te avrebbe potuto soffocare il ricordo di quel momento in cui si era sentito… perso.

Era cattivo o soltanto fragile?

Fin qui sono stata molto dura con questo uomo che si è comportato in questo modo così all’apparenza vile.

Il problema però è che questo non è un caso isolato ad un uomo solo, ai soli uomini “stronzi” o a tutto il genere maschile. La situazione in cui si è trovato questo uomo genererebbe le stesse sensazioni e gli stessi impulsi in tutti noi, uomini e donne. Ho sentito per via indiretta di donne che si sono comportate nello stesso identico modo di questo uomo. Dico per via indiretta perché gli uomini raramente si aprono come ha fatto Ami, raccontando quello che hanno subìto, rendendo partecipi gli altri del loro dolore.

Tutti noi comunque siamo soggetti a questi impulsi. Viviamo la sensazione di onnipotenza, il crollo, lo spaesamento, il rancore e infine la voglia di dimenticare tutto. Chi ha un modo più adulto di gestire i propri sentimenti o chi ha un solido sistema di valori magari sarà in grado di trattenersi dal ferire l’altra persona, oppure si pentirà di averlo fatto rammaricandosi o cercando di rimediare.

Tutti quanti però viviamo queste emozioni. Per questo trovo la storia di Ami (che ringrazio tantissimo) estremamente utile per capire meglio l’animo umano e riconoscere le situazioni di questo tipo cercando di starne, per quanto possibile, alla larga.

Ma come sempre, dopo ogni burrasca risplende l’arcobaleno

Concluderò questo articolo citando nuovamente queste bellissime parole di Ami:

La conoscenza ci rende forti. Dalle nostre storie e traversie e da quelle di chi ha deciso di condividerle con noi possiamo o concentrarci su ciò che non vorremmo fosse stato così oppure possiamo trarre l’ispirazione e la saggezza che ci consentiranno di raggiungere traguardi meravigliosi nelle esperienze di domani.

Sta a noi e solo a noi trovare la strada per la nostra felicità e possiamo farlo solamente se nutriamo per noi stesse un profondo rispetto ed amore.

Grazie ancora Ami, ti saluto con questa famosa ma sempre saggia frase di Oscar Wilde:


Cosa ne pensi della vicenda di Ami? Cosa ritieni abbia spinto questo uomo a comportarsi così? Hai anche tu affrontato situazioni difficili che ti hanno insegnato ad essere forte e combattiva?
Come vedi gli spunti di riflessione sono moltissimi e le tue opinioni sono ciò che ti rende speciale. Non rinunciare a scriverle e a condividerle per niente al mondo!

Immagini tratte da Google Immagini
Hai trovato l'articolo interessante?
Condividilo
con le tue amiche!
Sei d'accordo con quello che abbiamo scritto?
Hai bisogno di un consiglio specifico?
Scrivicelo nei commenti!
⇣⇣